Categoria: Aria

Descrizione categoria aria

Conferenza HARMO 18: prospettive e sviluppi della modellistica sulla qualità dell’aria

Conferenza HARMO 18: prospettive e sviluppi della modellistica sulla qualità dell’aria

Dal 9 al 12 ottobre 2017 si è svolta a Bologna, presso l’Area della ricerca del CNR, la Conferenza HARMO 18 dedicata all’armonizzazione dei modelli di dispersione degli inquinanti in atmosfera a fini regolatori. La Conferenza, si pone l’obiettivo generale di favorire l’interscambio di idee ed esperienze tra i tecnici, gli operatori e i decisori pubblici e privati al fine di pervenire a pratiche condivise nell’impiego di questi strumenti di stima, diagnosi e prognosi dello stato della qualità dell’aria e dell’impatto sull’atmosfera delle attività antropiche.

Un decesso su sei nel mondo è dovuto all’inquinamento, soprattutto atmosferico

Un decesso su sei nel mondo è dovuto all’inquinamento, soprattutto atmosferico

La Lancet Commission on Pollution & Health, un progetto biennale che ha coinvolto più di 40 autori internazionali in materia di salute e ambiente, utilizzando i dati dello studio Global Burden of Disease, che riunisce stime complete degli effetti dell’inquinamento sulla salute, ha realizzato un rapporto fornisce dati sui valori di inquinamento e sui costi economici dei disastri ambientali: le malattie legate all’inquinamento nei Paesi a reddito medio e basso determinano una riduzione annua del Pil che può arrivare al 2% e nei Paesi a reddito alto in un aggravio della spesa sanitaria dell’1,7%.

Ogni respiro è un ​rischio report di greenpace sull’inquinamento da NO2

Ogni respiro è un ​rischio report di greenpace sull’inquinamento da NO2

Monitoraggi dell’aria effettuati nelle ultime settimane da Greenpeace nei pressi di dieci scuole dell’infanzia e primarie di Roma – tra le 7 e 30 e le 8 e 30 – hanno costantemente rilevato concentrazioni di biossido di azoto (NO2) ampiamente al di sopra del valore individuato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per la protezione della salute umana (40μg/m3, microgrammi per metro cubo).

Inquinamento atmosferico e beni culturali: effetti sui materiali a Roma

Inquinamento atmosferico e beni culturali: effetti sui materiali a Roma

ISPRA ha pubblicato il rapporto Inquinamento atmosferico e beni culturali: effetti sui materiali a Roma nel quale è descritta la campagna di monitoraggio della durata di tre anni avviata a Roma nel 2013 da ISPRA e ISCR (Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro), in collaborazione con ARPA Lazio.

Dieci mosse per far crescere la green economy e vincere la sfida della qualità dell’ aria

Dieci mosse per far crescere la green economy e vincere la sfida della qualità dell’ aria

È stato pubblicato il Rapporto La sfida della qualità dell’aria nelle città italiane, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con ENEA e in partnership con il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. Il rapporto propone un decalogo per mettere in campo misure nuove e più incisive contro l’inquinamento atmosferico, soluzioni strutturali che superano le emergenze e puntino sullo sviluppo della green economy.

In Europa calano le sostanze che impoveriscono lo strato di Ozono

In Europa calano le sostanze che impoveriscono lo strato di Ozono

È stato pubblicato il rapporto dell’Agenzia Europea Per l’Ambiente Ozone-depleting substances 2016presenta dati aggregati riportati dalle società sull’importazione, l’esportazione, la produzione, la distruzione e l’uso delle sostanze ossidanti per l’ozono (ODS) nell’Unione europea.
Secondo il rapporto le importazioni, le esportazioni e il consumo complessivo di sostanze chimiche che danneggiano lo strato di ozono sono diminuite nell’Unione europea nel 2016.

Il progetto europeo AWAIR

Il progetto europeo AWAIR

Il progetto europeo AWAIR nasce dalla considerazione che l’inquinamento atmosferico è uno dei problemi ambientali principali e con i maggiori impatti sulla salute in Europa. Per affrontarlo, è necessario individuare e attuare misure e strategie che riescano a salvaguardare in particolar modo i soggetti più vulnerabili.
Il progetto ha l’obiettivo di promuovere misure e strategie condivise per migliorare la capacità di rispondere ai problemi relativi alla qualità dell’aria nella zona dell’Europa centrale (di cui fanno parte le regioni del nord Italia).

L’impegno di APPA per la ricerca sull’inquinamento atmosferico

L’impegno di APPA per la ricerca sull’inquinamento atmosferico

APPA, l’agenzia per l’ambiante del Trentino Alto Adige partecipa, in qualità di partner, a due progetti cofinanziati dal Programma per l’ambiente e l’azione per il clima LIFE 2014-2020: progetto BrennerLEC (Brenner Lower Emissions Corridor ) e PREPAIR (Po Regions Engaged to Policies of AIR).