Categoria: Aria

Descrizione categoria aria

Regione Toscana, pubblicato il Piano Regionale per la Qualità dell’Aria

Regione Toscana, pubblicato il Piano Regionale per la Qualità dell’Aria

Il consiglio regionale della Toscana, il 18 Luglio 2018, con delibera consiliare n. 72/2018, ha adottato il PRQA che è diventato efficace decorsi trenta giorni dalla data di pubblicazione sul Burt avvenuta, il 1 agosto 2018. Il Piano interviene prioritariamente con azioni finalizzate alla riduzione delle emissioni di materiale particolato fine PM10 e di ossidi di azoto NOx,

Progetto ERA-PLANET “SMURBS – Smart Urban Solutions for air quality disaster and city growth”

Progetto ERA-PLANET “SMURBS – Smart Urban Solutions for air quality disaster and city growth”

In un comunicato stampa ISPRA annuncia la sua partecipazione al progetto SMURBS che verrà portato avanti assieme ad altri 19 partner europei. SMURBS, strumenti e tecnologie “smart” per le città basate sull’ Earth Observation, aspira a rendere le città sostenibili rispetto alle sfide ambientali quali qualità dell’aria e salute, disastri naturali ed antropici, espansione urbana e migrazione.

Inventario nazionale delle emissioni in atmosfera 1990-2016

Inventario nazionale delle emissioni in atmosfera 1990-2016

L’ISPRA ha recentemente pubblicato l’Inventario nazionale delle emissioni in atmosfera 1990-2016.
Nel documento si descrive la comunicazione annuale dell’inventario nazionale delle emissioni delle sostanze transfrontaliere in accordo a quanto previsto nell’ambito della Convenzione sull’Inquinamento Transfrontaliero a Lungo Raggio (CRLTAP/UNECE) e dei relativi Protocolli di riduzione delle emissioni di tali sostanze.

Studio sulle alternative agli idrofluorocarburi (HFC) in Italia

Studio sulle alternative agli idrofluorocarburi (HFC) in Italia

ISPRA propone uno studio sugli Idrofluorocarburi (HFC), gas refrigeranti che hanno fatto il loro ingresso nel mercato alla fine degli anni 80 in sostituzione dei Clorofluorocarburi (CFC) e degli Idroclorofluorocarburi (HCFC) sostanze dannose per l’ozono stratosferico. Pur non contribuendo all’assottigliamento dello strato di ozono, gli HFC sono però dei potenti gas serra. Per questo il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha siglato un Accordo di collaborazione tecnica con l’ISPRA per la pubblicazione di uno studio sulle alternative agli HFC in Italia.

I workshop di Ravenna2018 tema #Aria: Workshop F: Aria: quali prospettive per ambiente e salute

I workshop di Ravenna2018 tema #Aria: Workshop F: Aria: quali prospettive per ambiente e salute

Aria: quali prospettive per ambiente e salute è uno degli eventi che propone Ravenna2018 dal tema qualità dell’#Aria, l’evento è organizzato in collaborazione con Lions Club Ravenna Bisanzio, Ravenna Dante Alighieri, Ravenna Romagna Padusa e il Comune di Ravenna. Il tema verrà affrontato attraverso gli aspetti normativi, tecnici e casi partici.

Conferenza 2: Inquinamento atmosferico outdoor e indoor: il ruolo del Chimico

Conferenza 2: Inquinamento atmosferico outdoor e indoor: il ruolo del Chimico

Inquinamento atmosferico outdoor e indoor: il ruolo del Chimico è uno degli eventi che propone Ravenna2018 in collaborazione con l’Ordine Interprovinciale dei Chimici dell’Emilia-Romagna. Il tema verrà affrontato attraverso gli aspetti tecnici affrontando sia l’aspetto dell’inquinamento Outdoor che dell’inquinamento Indoor.

Oltre il 95% della popolazione mondiale respira della “cattiva aria”

Oltre il 95% della popolazione mondiale respira della “cattiva aria”

E’ stato pubblicato l’Annual State of Global Air Report 2018. Più del 95% degli abitanti del pianeta, cioè circa 7 miliardi di persone, respirano aria inquinata. La gran parte di loro vive nei Paesi a basso reddito e uno su tre, 2,6 milioni di persone, è vittima anche delle esalazioni da combustione domestica di carbone, legna, sterco utilizzati per scaldarsi e per cucinare.

Le emissioni di CO2 dei settori ETS tornano a salire

Le emissioni di CO2 dei settori ETS tornano a salire

Per la prima volta negli ultimi sette anni, in Europa sono aumentate le emissioni inquinanti dei settori regolati dal sistema ETS (Emissions Trading Scheme). Dai dati preliminari riferiti al 2017 emerge che le emissioni di anidride carbonica, nel complesso, hanno raggiunto 1.756 milioni di tonnellate lo scorso anno, segnando un lievissimo incremento (+0,3%) in confronto al 2016. Non accadeva dal 2010.

Progetto per la Valutazione degli Impatti sulla Qualità dell’Aria Provocati dagli Stabilimenti di Produzione dell’Acciaio – Report Finale

Progetto per la Valutazione degli Impatti sulla Qualità dell’Aria Provocati dagli Stabilimenti di Produzione dell’Acciaio – Report Finale

Pubblicato il report finale del Progetto per la valutazione degli impatti sulla qualità dell’aria provocati dagli stabilimenti di produzione dell’acciaio condotto da Arpa Valle d’Aosta, Arpa Umbria e Arpa Veneto, con l’obiettivo di valutare l’impatto ambientale sull’inquinamento atmosferico provocato dalle emissioni degli stabilimenti di produzione dell’acciaio localizzati ad Aosta, Terni e Vicenza.