Disponibili gli atti della terza edizione di Biogas Italy

Sono disponibili nel sito web gli atti di BiogasItaly – Stati Generali del Biogas-Biometano 2017 che si sono tenute a Roma gli scorsi 22, 23, 24 Febbraio 2017.
Biogas Italy, organizzato da CIB, è l’evento di riferimento delle tecnologie e delle traiettorie di sviluppo che ruotano attorno alla produzione e all’utilizzo del biogas e del biometano e coinvolge l’intera filiera e i corrispondenti mondi della ricerca e dello sviluppo cercando sinergie e valori comuni.
Durante il convegno è stato presentato lo studio condotto da Ecofys, società internazionale leader nella consulenza energetica e climatica, in collaborazione con l’Università di Wageningen (Paesi Bassi) e con il CRPA, Centro Ricerche Produzioni Animali di Reggio Emilia, che ha certificato la qualità della filiera Italiana del Biogas e del Biometano. Filiera che in agricoltura è un caso di scuola internazionale: da un punto di vista qualitativo, il modello e disciplinare di produzione promosso dal Cib, il Biogasfattobene (Biogasdoneright), “sembra avere pochi eguali al mondo”. La produzione di biogas e biometano secondo princìpi del Biogasdoneright infatti ha ricadute positive misurabili non solo con l’aumento delle produzioni alimentari e foraggere, ma anche con il miglioramento di livelli di biodiversità, qualità e nutrienti del suolo grazie all’uso del digestato. Il modello italiano si basa sul criterio delle doppie colture: una coltura invernale denominata ‘di copertura’ viene aggiunta a quella convenzionale del periodo estivo, senza necessità di irrigazione o fertilizzazione aggiuntiva, grazie alle condizioni di umidità favorevoli. Ecofys ha dimostrato che l’utilizzo di doppie colture con tecniche agronomiche innovative come la minima lavorazione, la fertirrigazione ed il precision farming è un modello che può essere diffuso vantaggiosamente anche in altre regioni.
Fonte: Biogas Italy
Comunicato stampa link
Atti (audio, video, presentazioni e comunicati stampa) link

Potrebbero interessarti anche...