Inquinamento atmosferico dall’agricoltura: l’ammoniaca supera i limiti di emissione nel 2015

Secondo una relazione dall’agenzia europea per l’ambiente (EEA) pubblicata nei giorni scorsi, nel 2015  le emissioni di ammoniaca sono aumentate in diversi Stati membri dell’Unione europea e complessivamente nell’intera  Unione ed hanno superato i rispettivi limiti di emissione di NH3 ai sensi della Convenzione UNECE

L’annuale bilancio annuale dell’Unione europea sulle emissioni 1990-2015, in base alla Convenzione UNECE sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a lungo raggio (LRTAP) (annual European Union emission inventory report 1990-2015 under the UNECE Convention on Long-range Transboundary Air Pollution (LRTAP)), mostra che le emissioni di NH3 sono diminuite del 23% tra il 1990 e il 2015, ma sono aumentate nell’UE-28 tra il 2014 e il 2015 di 1,8 %.  In particolare le emissioni di ammoniaca sono aumentate in Francia, Germania e Spagna.
Circa il 94% delle emissioni di ammoniaca in Europa provengono dall’agricoltura, principalmente da attività quali l’immagazzinamento del letame, la diffusione di sospensioni e l’impiego di concimi inorganici di azoto. L’ammoniaca contribuisce all’eutrofizzazione – un’eccessiva offerta di azoto – e l’acidificazione degli ecosistemi. Forma anche particolato nell’atmosfera che ha effetti negativi sulla salute umana.

Gli altri principali inquinanti interessati dalla convenzione LRTAP sono notevolmente diminuiti dal 1990, compresi i tre inquinanti atmosferici responsabili primariamente per la formazione di ozono a livello del suolo (O3). Il monossido di carbonio (CO), i composti organici volatili non metanici (NMVOC) e gli ossidi di azoto (NOx) sono stati ridotti rispettivamente del 68%, del 61% e del 56%.

Il rapporto completo  (annual European Union emission inventory report 1990-2015 under the UNECE Convention on Long-range Transboundary Air Pollution (LRTAP)),è disponibile al seguente link.

Fonte: Agenzia Euoropea per l’ambiente

Potrebbero interessarti anche...