Newsletter Rifiutilab

Newsletter Rifiutilab 363

Newsletter N°363 - Giovedì, 10 dicembre 2015
NOVITA' DA RIFIUTILAB
LA COMMISSIONE ADOTTA UN NUOVO E AMBIZIOSO PACCHETTO DI MISURE SULL’ECONOMIA CIRCOLARE
La Commissione Europea ha adottato un nuovo pacchetto sull’Economia Circolare per aiutare le imprese europee ei consumatori a fare la transizione verso un'economia in cui le risorse vengono utilizzate in modo più razionale stimolando la crescita economica sostenibile e la creazione di nuovi posti di lavoro. Le azioni proposte contribuiranno a chiudere il cerchio del ciclo di vita dei prodotti intervenendo su tutto il ciclo di vita dei prodotti attraverso un maggiore riciclaggio e il riutilizzo, portando benefici sia per l'ambiente che per l'economia.
RAPPORTO ‘WASTE PREVENTION IN EUROPE — THE STATUS IN 2014’

L’Agenzia Europea per l’Ambiente ha recentemente pubblicato il rapporto Waste prevention in Europe — the status in 2014 attraverso il quale analizza 36 programmi di prevenzione dei rifiuti in 28 Stati membri dell'UE, l'Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia. Il rapporto evidenzia come, pur essendo presenti obiettivi comuni, una grande eterogeneità  di dettagli all’interno dei programmi di prevenzione in termini di: copertura, obiettivi, orizzonti temporali, obiettivi, indicatori, sistemi di monitoraggio, misure e strumenti politici. Il rapporto conclude affermando che non è ancora possibile determinare gli effetti sulla riduzione dei rifiuti prodotti nel continente. Se si riusciranno a ridurre i 2,5 miliardi di tonnellate di rifiuti (dato 2012) è certo che si otterranno vantaggi certi in termini ambientali, economici e sociali, tra cui la riduzione inquinamento dell'acqua e del suolo, la riduzione delle emissioni di gas serra e la perdita di materiali pregiati.

CONTRIBUTO AMBIENTALE CONAI (CAC) PER GLI IMBALLAGGI IN VETRO. DALL'1 GENNAIO SI PAGA DI MENO
Il Consiglio di Amministrazione Conai, nella riunione del 25 novembre, ha deliberato la riduzione del Contributo Ambientale Conai per gli imballaggi in vetro a 17,30 Euro/ton a decorrere dal 1° gennaio 2016. La decisione rivede ulteriormente al ribasso il valore del CAC precedentemente comunicato (in data 14 ottobre) pari a 19,30 Euro/ton
AL VIA ‘SMARTNESS IN WASTE MANAGEMENT’, IL NUOVO SISTEMA PER MONITORARE LE PROPRIE PERFOMANCES AMBIENTALI

Al via in 30 capoluoghi di provincia il progetto Smartness in Waste Management, il primo open data ambientale in Italia in tema di rifiuti, uno strumento fondamentale per lo sviluppo della circular economy che permetterà ai Comuni di promuovere interventi di riduzione e prevenzione della produzione dei rifiuti sul territorio e di comunicare ai cittadini, in maniera semplice e trasparente, le informazioni ambientali ed economiche relative alla raccolta differenziata e al riciclo l sistema permetterà di ridurre i costi della raccolta differenziata e del riciclo in maniera considerevole, consentendo al contempo nuove politiche di gestione perché garantisce accessibilità, trasparenza e tracciabilità dei dati. Tutte le informazioni potranno essere direttamente condivisibili sui social media con l’obiettivo di rendere trasparenti i risultati verso i cittadini, che attraverso un’app potranno monitorare le performance del proprio Comune.

PUBBLICATO IL RAPPORTO L'AMBIENTE IN EUROPA – STATO E PROSPETTIVE NEL 2015 (SOER2015)
È stato pubblicato nei giorni scorsi il rapporto L'ambiente in Europa – Stato e prospettive nel 2015 (SOER2015) dell’Agenzia Europea dell’Ambiente che, basandosi su dati e informazioni provenienti da numerose fonti, valuta lo stato, le tendenze e le prospettive dell’ambiente europeo in un contesto globale. Il report evidenzia miglioramenti nei diversi settori (produzione rifiuti, consumo di energia, consumo di risorse) ma lancia anche una nota negativa: il traguardo che l'Europa si pone a lungo termine, cioè di “vivere bene entro i limiti del nostro pianeta”, non è compatibile con le attuali politiche sull’ambiente e con quelle correlate. Bisogna fare di più.
CONCILIAZIONE: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 26 NOVEMBRE 2015 N. 562/2015/E/COM

L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, con delibera 562/2015/E/com del 26 novembre 2015 ha avviato la consultazione sul tema degli orientamenti per definire le modalità di svolgimento del tentativo obbligatorio di conciliazione delle controversie tra clienti finali, utenti finali e operatori nei settori regolati dall'Autorità; unitamente alla delibera l’Autorità propone uno schema di disciplina in materia. Il documento si inserisce nel contesto della deliberazione del 5 novembre 2015, 522/2015/E/com per l’adozione di un procedimento per l’adozione della Disciplina in materia di procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie tra clienti finali e/o utenti finali e operatori nei settori regolati dall'Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico – ADR europea. L’autorità invita i soggetti interessati sono a far pervenire le loro osservazioni e le loro proposte entro il 15 gennaio 2016 secondo le modalità contenute nel testo della delibera il cui testo completo è disponibile al seguente link.

FINESTRA SULLA PREVENZIONE DEI RIFIUTI a cura di Mario Santi – rifiutologo@hotmail.it
TENDENZE CONTRADDITTORIE: MENTRE DALLA SETTIMANA EUROPA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI (SERR), EMERGONO NEL NOSTRO PAESE INTERESSANTI ESPERIENZE DI DE-MATERIALIZZAZIONE, L'ITALIA SI CONFERMA TRA I MAGGIORI CONSUMATORI MONDIALI DI ACQUA MINERALE
Alla Cop 21 a Parigi i grandi del mondo discutono di accordi globali sul clima. E se oltre a stare in attesa degli esiti, riprendessimo a fare qualcosa anche noi, a partire dal nostro rapporto quotidiano con ambiente e (non) rifiuti? ...
NOVITA' DA ACQUALAB
AUTORITÀ ENERGIA: CONSULTAZIONE SUL TEMA TENTATIVO OBBLIGATORIO DI CONCILIAZIONE
L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, con delibera 562/201/E/com del 26 novembre 2015 ha avviato la consultazione sul tema degli orientamenti per definire le modalità di svolgimento del tentativo obbligatorio di conciliazione delle controversie tra clienti finali, utenti finali e operatori nei settori regolati dall'Autorità; Unitamente alla delibera l’Autorità propone uno schema di disciplina in materia. L’autorità invita i soggetti interessati sono a far pervenire le loro osservazioni e le loro proposte entro il 15 gennaio 2016 secondo le modalità contenute nel testo della delibera.
PARERE AUTORITÀ ENERGIA SUL DISEGNO DI LEGGE RECANTE “PRINCIPI PER LA TUTELA, IL GOVERNO E LA GESTIONE PUBBLICA DELLE ACQUE E DISPOSIZIONI PER LA RIPUBBLICIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO (...)

Nell’ambito del processo di discussione del disegno di Legge Princìpi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico, nonché delega al Governo per l'adozione di tributi destinati al suo finanziamento(2212) in fase di discussione alla Camera l’ Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico ha presentato, lo scorso 2 dicembre un documento, contenente le proprie osservazioni. L’autorità si concentra in particolare modo sull’articolo 5 in materia di governo pubblico del ciclo naturale ed integrato delle acque.

NOVITA' DA ENERGIALAB
ELETTRICITÀ: PER 30 MILIONI DI CLIENTI AL VIA DAL 2016 LA RIFORMA DELLE TARIFFE DI RETE IN BOLLETTA
A partire dal 1° gennaio 2016, con ampia gradualità, entrerà in vigore la riforma delle tariffe elettriche dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico che interesserà i 30 milioni di utenti elettrici domestici italiani. Al fine di uniformarci agli altri paesi europei verrà gradualmente superata l'attuale struttura progressiva delle tariffe di rete e degli oneri generali di sistema introdotta circa quarant'anni . Al termine del processo, dal 1 gennaio 2018, la tariffa di rete e la tariffa per gli oneri di sistema, in totale oltre il 40% della nostra bolletta, saranno uguali per tutti e per ogni livello di consumo.
ITALIAN GREENHOUSE GAS INVENTORY 1990-2013. NATIONAL INVENTORY REPORT 2015
In accordo a quanto previsto nell’ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite (UNFCCC), del protocollo di Kyoto e del Meccanismo di Monitoraggio dei Gas Serra dell’Unione Europea ISPRA pubblica il rapporto Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2013. National Inventory Report 2015. Dalle analisi delle serie storiche dal 1990 al 2013, si evidenzia che, nel 2013, le emissioni nazionali totali di gas serra sono diminuite del 6,7% rispetto all’anno precedente e del 16,1% rispetto all’anno base (corrispondente al 1990). Questa riduzione è conseguenza sia della riduzione dei consumi energetici e delle produzioni industriali a causa della crisi economica e della delocalizzazione di alcuni settori produttivi, sia della crescita della produzione di energia da fonti rinnovabili e di un incremento dell’efficienza energetica.
RASSEGNA STAMPA
INTELLIGENT BUILDING REPORT 3 ATTI E REPORT

Disponibile on line la prima edizione dell’Intelligent Building Report dedicato agli edifici sostenibili e gli atti del ...

EASYCONAI, LA NUOVA APP DEDICATA AL SISTEMA CONSORTILE CONAI

Per aiutare le aziende a orientarsi con gli obblighi e adempimenti relativi agli imballaggi, il Conai ha preparato una sintetica ...

NASCE UNIRIMA, L’ASSOCIAZIONE DELLE IMPRESE CHE RECUPERANO, RICICLANO E COMMERCIALIZZANO MACERO
Le due principali Associazioni di recupero e riciclo del macero UNIONMACERI e FEDERMACERO hanno deciso di unire i propri sforzi di ...
MILANO, ALL'AVANGUARDIA ANCHE NEL RECUPERO DEGLI OLI ALIMENTARI
Il comune di Milano e A2A giungono alla fase finale dell progetto di implementazione della raccolta dell’olio alimentare usato. Se prima ...
COSA PENSA IL MONDO DEL CAMBIO CLIMATICO, IN 7 INFOGRAFICHE

Il centro di ricerca statunitense Pew Research propone una sintesi di 10 infografiche la visualizzazione di un sondaggio sulla ...

PRODURRE BIOGAS IN CASA PER TRASFORMARE I RIFIUTI IN VALORE
Una startup israeliana ha sviluppato Homebiogas, che senza elettricità è in grado di trasformare i rifiuti organici prodotti da una ...
CILENTO: COMUNE APPROVA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLE SORGENTI
Il comune di Cerarso (SA) ha approvato un regolamento per tutelare le sorgenti idriche presenti sul territorio comunale. Il regolamento ...
AGENDA
RIFIUTI: LE NUOVE NORME, LE CLASSI DI PERICOLO E GLI SCENARI DI RESPONSABILITÀ
Milano, dal 14/12/2015 al 15/12/2015
SEMINARIO UTILITATIS "IL RECEPIMENTO DELLE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE IN MATERIA DI APPALTI E CONCESSIONI
Roma, 15/12/2015
CORSO DI FORMAZIONE MATERIALI DA SCAVO LE NUOVE REGOLE. ASPETTI TECNICI E NORMATIVI
Piacenza, 21/01/2016
RAVENNA2016 - FARE I CONTI CON L'AMBIENTE
Ravenna, dal 18/05/2016 al 20/05/2016
ACCADUEO 2016
Bologna, dal 19/10/2016 al 21/10/2016