Presentazione Rapporto Rifiuti Speciali – Edizione 2018

Presentazione Rapporto Rifiuti Speciali – Edizione 2018

Si è tenuta il 14 giugno a Palazzo Montecitorio la presentazione della diciassettesima edizione del Rapporto Rifiuti Speciali realizzato dall’ISPRA, con il contributo delle Agenzie regionali e provinciali per la Protezione dell’Ambiente. Il Rapporto fornisce i dati, all’anno 2016, sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, a livello nazionale e regionale, e per la gestione anche a livello provinciale; e sull’import/export. Secondo i dati cresce la produzione di rifiuti speciali ma anche il tasso di riciclo, tuttavia occorre investire di più sulla prevenzione.

Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea le direttive del pacchetto sull’economia circolare

Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea le direttive del pacchetto sull’economia circolare

lo scorso 14 giugno 2018 sono state pubblicate nella gazzetta ufficiale dell’Unione europea le 4 direttive del pacchetto sull’economia circolare che erano state approvate il 18 aprile dal Parlamento Europeo, a Strasburgo. Le direttive dovranno essere recepite dagli Stati membri entro il 5 luglio 2020. Gli obiettivi principali delle nuove direttive prevedono: il riciclo entro il 2025 per almeno il 55% dei rifiuti urbani (60% entro il 2030 e 65% entro il 2035); si vincola lo smaltimento in discarica (fino ad un massimo del 10% entro il 2035); il 65% degli imballaggi dovrà essere riciclato entro il 2025 e il 70% entro il 2030; rifiuti tessili e i rifiuti pericolosi delle famiglie (come vernici, pesticidi, oli e solventi) dovranno essere raccolti separatamente dal 2025; i rifiuti biodegradabili a partire dal 2025 dovranno essere obbligatoriamente raccolti separatamente o riciclati a casa attraverso il compostaggio. Il pacchetto Ue inoltre limita la quota di rifiuti urbani da smaltire in discarica a un massimo del 10% entro il 2035.

Auto elettrica: la Commissione Ambiente del Parlamento europeo approva obiettivi ambiziosi

Auto elettrica: la Commissione Ambiente del Parlamento europeo approva obiettivi ambiziosi

La commissione ambiente del Parlamento europeo ha espresso lo scorso lunedì 10 settembre il proprio voto favorevole a target di emissioni più ambiziosi per auto e furgoni nuovi al 2030 rispetto a quelli proposti in precedenza dalla Commissione europea. Questa decisione ha influenzato anche il cambiamento in senso restrittivo della proposta avanzata dalla Commissione Europea sui limiti alle emissioni di CO2 di auto e furgoni di nuova immatricolazione: si passa dall’obiettivo della riduzione delle emissioni del nuovo immatricolato del 15% ad un taglio del 20% entro il 2025, mentre per il 2030 il target di riduzione passa dal 30% al 45%.

Dal 16 al 22 settembre è la settimana europea della mobilità sostenibile

Dal 16 al 22 settembre è la settimana europea della mobilità sostenibile

E’ in corso (dal 16 al 22 settembre 2018) la settimana europea della mobilità sostenibile . Il tema di quest’anno è la multimodalità, con lo slogan “Cambia e vai”. Come ogni anno il Ministero dell’Ambiente aderisce, coordina e supporta le iniziative e gli eventi organizzati da Comuni e associazioni. La Settimana europea della mobilità, giunta quest’anno alla 17a edizione, è ormai diventata un appuntamento fisso e irrinunciabile per tutte le amministrazioni e per tutti i cittadini che si vogliono impegnare sulla strada della sostenibilità e del miglioramento della qualità della vita delle nostre città.

Linee Guida sulle analisi di sostanze prioritarie in matrici marine. Parte II. Idrocarburi policiclici aromatici e metalli ed elementi in traccia

Linee Guida sulle analisi di sostanze prioritarie in matrici marine. Parte II. Idrocarburi policiclici aromatici e metalli ed elementi in traccia

ISPRA presente le Linee Guida relative alla determinazione di Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) e metalli ed elementi in tracce nelle diverse matrici marine, quali acqua, sedimenti e organismi. Nel documento si descrivono le metodologie adottate dalle Agenzie Regionali per il monitoraggio chimico delle matrici marine come prescritto dalla legislazione nazionale che recepisce la direttiva quadro sulle acque e le sue successive modifiche e la direttive sulla strategia marina.

Tariffe idriche, “trend di discesa in Emilia-Romagna”

Tariffe idriche, “trend di discesa in Emilia-Romagna”

Nel biennio 2018-2019 si prevede una decrescita delle tariffe idriche nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Forlì-Cesena. Nel resto dell’Emilia-Romagna, invece, si assisterà a una stabilizzazione della bolletta.
È quanto emerge dai dati elaborati da Atersir (Agenzia regionale di regolazione dei servizi pubblici locali ambientali) e approvati dal Consiglio dell’ambito unico istituito in Emilia-Romagna.

Osservatori distrettuali permanenti sugli utilizzi idrici: prevenzione e gestione degli eventi di scarsità idrica

Osservatori distrettuali permanenti sugli utilizzi idrici: prevenzione e gestione degli eventi di scarsità idrica

La Direzione Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque (STA) del MATTM ha organizzato lo scorso 28 giugno un workshop dedicato agli Osservatori distrettuali permanenti sugli utilizzi idrici, con un particolare focus sulla prevenzione e sulla gestione degli eventi di scarsità idrica. ISPRA mette a disposizione online ei documenti del workshop

Pesticidi nelle acque – Monitoraggio nazionale 2016

Pesticidi nelle acque – Monitoraggio nazionale 2016

Il Rapporto è una sintesi in inglese del rapporto nazionale sulla presenza di pesticidi nelle acque realizzato dall’ISPRA al fine di fornire su base regolare le informazioni sulla qualità della risorsa idrica in relazione ai rischi di tali sostanze.