Home » contributi, energia, rifiuti, sviluppo sostenibile

Biochar: nuove opportunità con la pirolisi delle frazioni secche organiche

Submitted by 3 Comments

stove

Segnaliamo l’interessante servizio su Nova – inserto del Sole 24 Ore lo scorso giovedì (nel nuovo formato) su Nathaniel Mulcahy, residente in Italia dal 2004. Mulcahy ha inventato la LuciaStove, oggi un marchio registrato. Con cinque pezzi di alluminio, anche in Africa possono costruirsi un fornello pirolitico – capace di combustione senza ossigeno – che si alimenta con foglie, rami o scarti agricoli, che produce pochissimo monossido di carbonio (una delle principali cause di morte, nelle cucine del terzo mondo) e che lascia il solo residuo del biochar, il carbone vegetale: un potente fertilizzante, da reinserire nel più virtuoso dei cicli agroalimentari.

La particolarità della LuciaStove, – spiega Mulcahy al Sole 24 Ore – è che sfrutta attentamente la dinamica dei fluidi per ottenere una combustione con un efficienza del 93%, contro il 7-12% di un fuoco aperto. E il procedimento è replicabile su larga scala.

Tutti i pirolizzatori del mondo sono chiusi, per tenere fuori l’ossigeno. Invece, la LuciaStove è miracolosamente aperta in alto: basta gettarci dentro della biomassa, accenderla e, dopo pochi secondi, il calore prodotto innesca la pirolizzazione, aiutata da un piccolo ventilatore laterale. Dagli ugelli in alto – disegnati in modo da sfruttare tre diversi vortici che si creano all’interno – esce un gas sintetico, fatto di idrogeno, metano e monossido di carbonio. Il quale, bruciando forma una specie di cappa che consuma l’ossigeno impedendogli di entrare, ma al tempo stesso esercita un “tiraggio” verso il basso che fa entrare l’azoto.

«Tre etti di biomassa – spiega Mulcahy – bruciano per quasi un’ora e mezzo, regalando energia termica e, alla fine, lasciando come residuo un etto di biochar. Il quale, è un eccellente fertilizzante ed è capace di stoccare per secoli l’anidride carbonica che era nelle piante».

La WorldStove, l’azienda fondata da Mulcahy per commercializzare la sua invenzione, sta già discutendo con «importanti aziende italiane dell’agroalimentare» (che lui non vuole ancora nominare) per adottare il procedimento su scala industriale. «Ci sono aziende che spendono fino a 30 euro a tonnellata, per smaltire i propri scarti. In questo modo, avrebbero energia gratis per i propri bisogni produttivi (o per venderla alla rete sotto forma di elettricità), e anche un fertilizzante naturale da reimmettere nel ciclo», con un conseguente, minor uso dei fertilizzanti chimici.

Il biochar potrebbe essere l’arma di una nuova agricoltura. Il grimaldello per sbloccare un ciclo virtuoso nei delicati equilibri del carbonio. «Fino a un secolo fa – racconta al Sole24Ore Nova Franco Miglietta, ricercatore dell’istituto di Biometeorologia del Cnr, a Firenze, meglio noto come Ibimet – i suoli agrari italiani contenevano 130 tonnellate di carbonio per ettaro, oggi quasi la metà. Aggiungendo 700 chili di biochar all’anno, si potrebbe aumentare la loro fertilità e immagazzinare lì per secoli l’anidride carbonica che le piante hanno preso dall’atmosfera per crescere».

Il biochar potrebbe contribuire a cambiare la matematica del cambiamento climatico. Quando scaviamo il carbone fossile e lo bruciamo per ottenere elettricità, addizioniamo carbonio, spostandolo dalle viscere della terra all’atmosfera. Con il biochar accade il contrario: si fanno le sottrazioni. Tutte le piante, “mangiano” i fotoni dal sole e l’anidride carbonica dall’atmosfera. Al 50% sono fatte di carbonio e, con la pirolisi, il 90% di questo carbonio resta nel biochar. Non per un anno o due, ma per secoli. O forse per millenni, a giudicare dalla composizione della terra preta. «Se tutti gli scarti agricoli venissero ridotti in biochar e distribuiti nei campi – osserva Franco Miglietta, ricercatore del Cnr e co-fondatore dell’Associazione Italiana Biochar – il Paese ridurrebbe le sue emissioni di CO2, ben di più di quel che il Protocollo di Kyoto gli chieda».

Maggiori info QUI

3 Comments »

Leave a comment!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also Comments Feed via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.