Home » acqua, contributi, corporate, energia, eventi, Ravenna2017, rifiuti, sviluppo sostenibile

Plastica NON da imballaggio: un contributo agli obiettivi di riciclaggio del pacchetto sull’Economia Circolare. Workshop in programma nel contesto di “Fare i conti con l’Ambiente 2017”.

Inserito da No Comment

banner_home

“Come valorizzare le circa 800.000 ton/anno di plastica non da imballaggio presenti nei rifiuti urbani? Quantità costi e modelli organizzativi di una possibile raccolta differenziata saranno discussi a Ravenna il 18 maggio dai principali stakeholder della filiera plastica”.

Il nuovo pacchetto sull’Economia circolare che la Comunità Europea si appresta a rendere operativo prevede un drastico innalzamento degli obiettivi di riciclo di materia: Il Consiglio Europeo ha approvato per il 2030 l’obiettivo del 70% medio e portato al 50% dell’immesso al consumo quello della plastica. In questo contesto risulta di particolare interesse ogni azione che possa contribuire a raggiungere questi ambiziosi obiettivi.

Il workshop “Plastica non da imballaggio nei rifiuti urbani: analisi e proposte di gestione”, previsto per il 18 maggio nel contesto della decima edizione di “Fare i conti con l’ambiente”, analizza l’attuale filiera e le opportunità di valorizzazione attraverso la raccolta differenziata della plastica NON da imballaggio ed è realizzato nell’ambito del progetto “Life Replace Belt” (LIFE 13 ENV IT 000477) co-finanziato con il bando 2013 del Programma LIFE+.

La plastica non da imballaggio non ha una sistema di riciclo organizzato e strutturato, a differenza della plastica da imballaggio che gode di una specifica filiera di recupero presidiata in Italia dal Consorzio COREPLA. Le analisi che verranno presentate hanno stimato un’incidenza complessiva sul rifiuto urbano di circa 13 kg/abitante*anno di questa frazione, pari a 800.000 ton/anno su base nazionale. Una quantità non trascurabile!

Il Workshop, aperto al pubblico, intende avviare un dibattito tra i principali stakeholder della filiera (COREPLA, IPPR, UNIONPLAST) e col mondo accademico (Università di Bologna) sulla raccolta e destino di queste frazioni plastiche, a partire dai dati concreti che verranno presentati per la prima volta.

In particolare lo studio condotto da ETRA spa e Sintesi srl approfondisce le modalità di gestione della plastica non da imballaggio post-consumo contenuta nei rifiuti urbani che solitamente non viene, o viene in misura ridotta, destinata a riciclo: nel seminario verranno resi noti i dati ottenuti intervistando decine di gestori e centinaia di utenti sulle modalità di raccolta di questa particolare frazione, e presentato un piano per ottimizzarne la gestione corredato dai relativi costi.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.