Home » contributi, energia, innovazione, rifiuti

Idrogeno dai rifiuti attraverso la digestione anaerobica

Submitted by No Comment

alternativa

Attraverso uno specifico sistema di fermentazione possono essere estratti da un chilogrammo di organico fino a 75 litri di “carburante” verde per celle a combustibile e per energia rinnovabile. Questo il frutto di un importante progetto di ricerca messo a punto nei laboratori del dipartimento di Geoingegneria e tecnologie ambientali dell’Università di Cagliari. Produrre idrogeno con fermentatori biologici è un percorso di ricerca attivato negli Stati Uniti e in Germania. Anche l’International waste working group (l’organismo che mette in sinergia ricercatori nel campo della gestione dei rifiuti da tutto il mondo) ha dato vita ad un gruppo di lavoro per i metodi biologici di produzione dell’idrogeno.

Punto di forza della ricerca è la forte resa su un’ampia gamma di rifiuti con un bassissimo dispendio energetico, grazie all’utilizzo dei batteri Clostridia. Niente additivi chimici per controllare il processo né pre-trattamenti termici della biomassa batterica. I residui organici, immessi nel fermentatore senza ossigeno per 2-4 giorni (alla temperatura di 39°C.) vengono digeriti dai batteri, producendo idrogeno miscelato a CO2. Il materiale in uscita alimenta un secondo reattore anaerobico dove si produce metano, anch’esso miscelato ad anidride carbonica. Una volta separato dall’anidride carbonica, l’idrogeno può essere utilizzato in apposite celle a combustibile (Pemfc con membrana a scambio di elettroni), mentre metano e anidride carbonica possono essere utilizzati in celle a combustibile di tipo Mcfc con carbonato.

“Sardegna Ricerche si sta attivando per il deposito del brevetto – ha spiegato Aldo Muntoni – e si sta valutando la possibilità di realizzare un impianto pilota alle porte di Cagliari. Richieste di realizzazione di impianti pilota sono giunte anche da altri soggetti pubblici e privati, sia in ambito nazionale che internazionale”.

Approfondimenti QUI e QUI

Leave a comment!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also Comments Feed via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.