Acque di balneazione in Europa: dal report qualità eccellente

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) con supporto della Commissione europea ha pubblicato la relazione annuale sulla qualità delle acque di balneazione, che confronta la qualità delle acque di balneazione raccolte in più di 21.000 siti costieri e interne in tutta l´UE, la Svizzera e l´Albania nel 2014. I dati sono disponibili sia in formato testo (link) che in mappa interattiva (link) con i risultati puntuali di ciascuna zona di balneazione. I risultati principali del 2014:

  • Oltre il 95% delle zone di balneazione soddisfa i requisiti minimi, l´83% ha raggiunto il livello ancor più rigoroso di qualità eccellente;
  • Solo 409 zone di balneazione, ossia meno del 2% del totale, sono state giudicate di scarsa qualità;
  • Il numero più elevato di siti di balneazione con una scarsa qualità delle acque è stato registrato in Italia (107 zone di balneazione, pari al 2%), Francia (105 zone di balneazione, 3%) e Spagna (67 zone di balneazione, 3%);
  • In generale le spiagge costiere raggiungono ottimi risultati, con quasi il 97% delle zone dell´UE che rispetta gli standard minimi e oltre l´85% classificato di qualità eccellente;
  • La qualità delle acque di balneazione di tutte le spiagge costiere in Slovenia, a Malta e a Cipro è stata classificata eccellente;
  • In confronto, il 91% delle acque di balneazione interne (laghi e fiumi) rispetta almeno gli standard minimi e più del 78% è di qualità eccellente.

Potrebbero interessarti anche...