Adottato il nuovo piano di gestione dei rifiuti della Regione Emilia – Romagna

La Giunta Regionale della Regione Emilia-Romagna, con delibera n. 1 dell’8 gennaio 2016 ha adottato la Proposta all’assemblea legislativa e decisione sulle osservazioni pervenute e approvazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti (PRGR). Il Piano sarà approvato in via definitiva dall’Assemblea legislativa e, come previsto dall’ art. 25 comma 7 della LR 20/2000, entrerà in vigore dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione dell’avviso di approvazione.

Il Piano:

  • stabilisce un nuovo approccio nella gestione dei rifiuti, in continuità con quanto previsto nella legge regionale 16/2015 ovvero produrre meno rifiuti, per differenziare e riciclare di più, e per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito, sano e stabile dal punto di vista economico.
  • delinea un modello di gestione che si fonda su prevenzione, preparazione per il riutilizzo, riciclaggio, recupero di energia e, infine, smaltimento in linea con la cosiddetta gerarchia dei rifiuti  europea
  • assegna alla tariffa puntuale un ruolo determinante per il raggiungimento degli obiettivi: il principio è paghi quanto butti, che punta a premiare i comportamenti virtuosi.

Delinea inoltre, azioni concrete che consentiranno di raggiungere gli obiettivi del Piano quali:

  • la tariffazione puntuale,
  • gli Accordi di filiera previsti e in parte già sottoscritti,
  • il fondo incentivante previsto dalla legge regionale 16/2015
  • azioni specifiche sul Comune di Bologna e la Provincia di Reggio Emilia, già co-finanziate dalla Regione attraverso il Piano di azione ambientale.

Tra gli obiettivi del piano: Riciclare entro il 2020 almeno il 70% di carta, metalli, plastica, legno, vetro e organico e ridurre al 5% lo smaltimento a partire dal conferimento in discarica.

I documenti adottati dalla giunta sono disponibili al seguente link

Potrebbero interessarti anche...