Agenzia Europea per l’ambiente: Le emissioni di ammoniaca dall’agricoltura continuano a porre problemi per l’Europa – (Report)

Le emissioni di ammoniaca (NH 3 ) sono aumentate per il quarto anno consecutivo, aumentando dello 0,4% in tutta l’UE, dal 2016 al 2017, lo dice il rapporto annuale dell’Agenzia Europea per l’ambiente ” National Emission Ceilings (NEC) Directive reporting status 2019 “. Nel periodo 2014-2017, l’aumento complessivo è stato di circa il 2,5%. Questi aumenti sono dovuti alla mancanza di riduzioni delle emissioni nel settore agricolo. Le emissioni di ammoniaca possono portare a un aumento delle deposizioni di acidi e livelli eccessivi di nutrienti nel suolo, nei fiumi o nei laghi, che possono avere un impatto negativo sugli ecosistemi acquatici e causare danni alle foreste, alle colture e ad altra vegetazione. L’eutrofizzazione può portare a gravi riduzioni della qualità dell’acqua con conseguenti impatti, tra cui una diminuzione della biodiversità e effetti tossici.

Nel 2017, l’anno più recente per il quale sono stati riportati i dati, le emissioni totali dei quattro principali inquinanti atmosferici: ossidi di azoto (NOx), composti organici volatili non metanici (NMVOC), anidride solforosa (SO 2 ) e ammoniaca – erano inferiori ai rispettivi massimali stabiliti per l’UE nel suo insieme. Mentre 21 Stati membri dell’UE erano conformi al massimale delle emissioni di ammoniaca nel 2017, sei (Austria, Croazia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi e Spagna) non lo erano e si prevede che un numero crescente di Stati membri mancherà delle emissioni del 2020 e del 2030. impegni di riduzione. Il briefing dell’EEA rileva che sarà necessaria una riduzione più sostanziale per tutti gli inquinanti se l’UE intende rispettare i propri impegni di riduzione delle emissioni per il 2030.

Il briefing dell’EEA include anche un aggiornamento delle emissioni previste riportate dagli Stati membri dell’UE per il 2020 e il 2030 ai sensi della direttiva NEC in relazione ai loro impegni di riduzione individuali stabiliti dalla direttiva NEC per questi anni. Per NMVOC e ammoniaca sono necessarie riduzioni di circa il 15%, oltre il 30% per particelle (PM 2,5 ) e anidride solforosa e quasi il 40% per gli ossidi di azoto.

Articolo originale  qui

Fonte: Agenzia Euorpea Per l’Ambiente

Potrebbero interessarti anche...