Aggiornate le statistiche della produzione dei rifiuti urbani in Europa da Eurostat

Sono state aggiornate le statistiche relative alla produzione e al trattamento dei rifiuti urbani nell’Unione europea (UE) dal 1995 al 2017 a cura di Eurostat. Dai dati emerge che vi è una netta tendenza verso un minore smaltimento in discarica mentre i paesi si orientano costantemente verso modalità alternative di trattamento dei rifiuti.

Per il 2017, i totali della produzione di rifiuti urbani variano notevolmente, passando da 272 kg pro capite in Romania a 781 kg pro capite in Danimarca. Le variazioni riflettono differenze nei modelli di consumo e ricchezza economica, ma dipendono anche da come vengono raccolti e gestiti i rifiuti urbani. Esistono differenze tra i paesi in merito al grado in cui i rifiuti provenienti dal commercio, dal commercio e dall’amministrazione vengono raccolti e gestiti insieme ai rifiuti delle famiglie .

Anche se nell’UE-28 vengono generati più rifiuti, la quantità totale di rifiuti urbani collocati in discarica è diminuita. Nel periodo di riferimento, il totale dei rifiuti urbani collocati in discarica nell’UE-28 è diminuito di 88 milioni di tonnellate, pari al 60%, da 145 milioni di tonnellate (302 kg pro capite) nel 1995 a 58 milioni di tonnellate (113 kg pro-capite) nel 2017. Ciò corrisponde a un calo medio annuo del 4,1%. Per il periodo più breve 2005-2017, lo smaltimento in discarica è diminuito in media del 5,6% all’anno.

Di conseguenza, il tasso di discarica (rifiuti in discarica come parte dei rifiuti generati) rispetto alla produzione di rifiuti urbani nell’UE-28 è sceso dal 64% nel 1995 al 23% nel 2017.

Questa riduzione può essere in parte attribuita all’attuazione della legislazione europea, ad esempio la direttiva 62/1994 sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio. Entro il 2001, gli Stati membri hanno dovuto recuperare almeno il 50% di tutti gli imballaggi immessi sul mercato. Con l’obiettivo di recupero rivisto del 60% da raggiungere entro il 31 dicembre 2008, si è registrato un ulteriore aumento della quantità di rifiuti di imballaggio raccolti separatamente.

Inoltre, la direttiva 31/1999 sulle discariche stabiliva che gli Stati membri erano obbligati a ridurre la quantità di rifiuti urbani biodegradabili destinati alle discariche al 75% entro il 16 luglio 2006, al 50% entro il 16 luglio 2009 e al 35% entro il 16 luglio 2016.Il la riduzione è stata calcolata sulla base della quantità totale di rifiuti urbani biodegradabili prodotti nel 1995. La direttiva ha portato i paesi ad adottare strategie diverse per evitare l’invio della frazione organica dei rifiuti urbani alla discarica, vale a dire il compostaggio (compresa la fermentazione), l’incenerimento e trattamento, come il trattamento meccanico-biologico (compresa la stabilizzazione fisica).

Di conseguenza, la quantità di rifiuti riciclati (riciclaggio di materiali e compostaggio) è passata da 39 milioni di tonnellate (81 kg pro capite) nel 1995 a 116 milioni di tonnellate (215 kg pro capite) nel 2017 a un tasso medio annuo del 5,0%. La quota di rifiuti urbani riciclati nel complesso è passata dal 17% al 46%.

I dati sui Municipal waste – sono disponibili qui.

Fonte: Eurostat

Potrebbero interessarti anche...