Approvato il Piano regionale per la gestione dei rifiuti

È stato approvato lo scorso 3 maggio il Piano regionale per la gestione dei rifiuti della regione Emilia Romagna. I principali obiettivi sono conferimento di rifiuti negli impianti di discarica ridotto al 5% (-80% rispetto al 2011), progressivo spegnimento degli inceneritori, il riciclo di carta, legno, vetro, plastica, metalli e organico portato al 70% entro il 2020, la raccolta differenziata innalzata al 73% e la produzione pro-capite di rifiuti ridotta del 20-25%.

Il piano a grandi linee prevede:

  • Riduzione della produzione, riciclaggio, contenimento del numero di discariche: continuare a garantire con sicurezza l’autosufficienza dello smaltimento nell’ambito regionale, con l’obiettivo di ottimizzare l’uso degli impianti esistenti e creare le condizioni per la chiusura progressiva di quelli non più necessari.
  • Un modello di gestione che segua la cosiddetta “gerarchia dei rifiuti” europea, che si fonda su prevenzione, preparazione per il riutilizzo, riciclaggio, recupero di energia e, infine, smaltimento. L’attenzione si sposta quindi sulla parte a monte della filiera e non più su quella terminale, attraverso la progressiva riduzione dei rifiuti non inviati a riciclaggio e l’industrializzazione del riciclo; un aspetto, quest’ultimo, che sarà affrontato anche con la promozione di Accordi volontari.
  • Le azioni concrete che consentiranno di raggiungere gli obiettivi del Piano sono la tariffazione puntuale, gli Accordi di filiera in parte già sottoscritti, il fondo incentivante previsto dalla legge regionale sui rifiuti urbani.
  • Un ruolo chiave vien dato ai I Comuni ed ai cittadini ai primi spetta il compito di attuare nel proprio territorio le azioni previste in materia di prevenzione, raccolta differenziata e recupero in base alle specifiche peculiarità territoriali. I cittadini sono chiamati a collaborare con scelte quotidiane consapevoli, orientando l’acquisto dei prodotti alla riduzione dei rifiuti, all’attuazione di forme di riuso e a una raccolta differenziata di qualità.

Potrebbero interessarti anche...