Autore: lbortoluzzi

#ALL4CLIMATE-ITALY202 – ENTI, associazioni e aziende in campo per la lotta al cambiamento climatico

#ALL4CLIMATE-ITALY202 – ENTI, associazioni e aziende in campo per la lotta al cambiamento climatico

Con un comunicato stampa il Ministero della Transizione Ecologica avvisa che Sul sito https://all4climate2021.org sono disponibili gli oltre 160 progetti proposti da associazioni, enti, aziende, università e comunità nell’ambito di “All4Climate-Italy2021”, il programma lanciato dal Ministero della Transizione Ecologica e da Connect4climate della World Bank, con la partecipazione della Regione Lombardia e del Comune di Milano.

Genoa Blue Agreement: Rinnovato l’accordo per l’utilizzo di combustibili a basso teneore di zolfo nei porti di Genova e Savona

Genoa Blue Agreement: Rinnovato l’accordo per l’utilizzo di combustibili a basso teneore di zolfo nei porti di Genova e Savona

È stato rinnovato presso la Guardia Costiera di Genova l’accordo volontario ‘Genoa Blue Agreement’ che, a partire dalla prima sottoscrizione avvenuta nel luglio2019, si pone l’obiettivo di rendere la zona entro le 3 miglia dai porti di Genova e Savona assimilabile a un’area SECA (Sulfur Emission Control Area), caratterizzata dall’obbligo di navigare e sostare in porto utilizzando combustibili con contenuto di zolfo non superiore allo 0,10% in massa.
L’accordo, promosso dalla Capitaneria di porto di Genova, si rivolge in primo luogo alle navi passeggeri in servizio di linea in transito nei due porti liguri che, rispondendo in maniera compatta all’iniziativa, puntano ad una maggiore sostenibilità ambientale attraverso il cambio del combustibile in uso per l’alimentazione di motori, generatori e caldaie di bordo.
Obiettivo è ridurre fin quasi ad azzerare, dalle tre miglia dall’imboccatura dei due porti e per tutta la durata della sosta, le emissioni degli ossidi di zolfo.

200 milioni da fondo Kyoto per efficientamento edifici pubblici

200 milioni da fondo Kyoto per efficientamento edifici pubblici

Nell’ambito del fondo Kyoto destinato alla riqualificazione energetica degli edifici scolastici, degli impianti sportivi e delle strutture sanitarie di proprietà pubblica sono stati messi a bando finanziamenti a tasso agevolato per 200 milioni di euro. Il decreto attuativo del nuovo fondo Kyoto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 24 aprile, prevede finanziamenti al tasso di interesse dello 0,25% per una durata massima del prestito di venti anni.

Mappatura amianto in Friuli Venezia Giulia: le attività di Arpa FVG

Mappatura amianto in Friuli Venezia Giulia: le attività di Arpa FVG

Dal 2017 Arpa FVG collabora con la Regione i Comuni e le Aziende Sanitarie regionali. nella campagna di mappatura georeferenziata degli edifici e dei manufatti contenenti amianto presenti nel territorio regionale attraverso l’applicativo A.R.Am. Archivio Regionale Amianto.
A.R.Am. è stato integrato, a partire dal 2019, con una sezione dedicata al censimento delle coperture in cemento amianto con l’utilizzo di immagini ad alta definizione rilevate da drone. Questo progetto ha coinvolto i 25 Comuni della Regione più densamente popolati, interessando oltre il 50% degli abitanti. Le coperture rilevate sono circa 14.000. Sono state identificate con un certificato di mappatura, con un codice univoco, misurate in m2 e associate ai proprietari.

Banca dati ANCI-CONAI – Presentati il IX e X rapporto, crescono ‘differenziata’ e quantità gestite dai Consorzi

Banca dati ANCI-CONAI – Presentati il IX e X rapporto, crescono ‘differenziata’ e quantità gestite dai Consorzi

Banca dati ANCI-CONAI – Presentati il IX e X rapporto, crescono ‘differenziata’ e quantità gestite dai Consorzi
Lo scorso 4 maggio sono stati presentati il IX e X rapporto di CONAI I dati fanno riferimento agli anni 2018 e 2019, periodo di vigenza dell’Accordo Quadro Anci-Conai (2014-2019) e dei relativi Allegati Tecnici, in termini di quantità di rifiuti di imballaggio raccolti, della loro qualità e dei corrispettivi economici riconosciuti ai Convenzionati dai sei Consorzi di filiera (CiAl, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea e Rilegno).

ISTAT: I NUOVI INDICI DEI COSTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI

ISTAT: I NUOVI INDICI DEI COSTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI

Con un comunicato stampa ISTAT annunciala pubblicazione dell’aggiornamento al 2019 degli indici annuali dei costi di gestione dei rifiuti con base di riferimento 2015=100.
Gli indici dei costi di gestione dei rifiuti si riferiscono alle attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e al recupero dei materiali (divisione 38 dell’Ateco 2007). Sono calcolati con la formulazione di Laspeyres e sistema di ponderazione fisso, riferito all’anno 2015.
Tali indici misurano l’andamento nel tempo dei costi di produzione delle attività di gestione dei rifiuti, con riferimento all’acquisto di beni e servizi, al costo del personale dipendente e al costo d’uso del capitale.