Categoria: Bonifiche

Descrizione categoria Bonifiche

STANDARDIZZAZIONE NELLE BONIFICHE: LA DIREZIONE GENERALE PER IL RISANAMENTO AMBIENTALE CONCLUDE LA PRIMA FASE DEI LAVORI

STANDARDIZZAZIONE NELLE BONIFICHE: LA DIREZIONE GENERALE PER IL RISANAMENTO AMBIENTALE CONCLUDE LA PRIMA FASE DEI LAVORI

Con un comunicato stampa il Ministero della Transizione ecologica annuncia che con l’emanazione dei decreti n. 72 e n. 73 del 19/05/2021  è approvata anche la modulistica per la presentazione, da parte dei proponenti, dei progetti di bonifica. Si conclude così la prima fase del processo di standardizzazione nelle bonifiche avviato dagli uffici della Direzione Generale per il risanamento ambientale già a partire dall’insediamento a gennaio 2020 che ha come obiettivo quello di garantire agli operatori coinvolti un supporto per operare, con più immediatezza, nella logica amministrativa del procedimento.

GRRINPORT – La gestione dei sedimenti e fanghi portuali: criticità e possibili soluzioni – VIDEO EVENTO

GRRINPORT – La gestione dei sedimenti e fanghi portuali: criticità e possibili soluzioni – VIDEO EVENTO

Il progetto GRRinPORT si avvia a conclusione e, in vista della conferenza finale di luglio, lancia un ciclo di tre talk show virtuali.
Gli eventi, sono raccolti sotto il titolo di #PORTIPULITI e organizzati dalla Mediterranean Sea and Coast Foundation (MEDSEA), hanno lo scopo di divulgare le soluzioni sviluppate all’interno del progetto GRRinPORT per contrastare gli impatti ambientali sul mare delle attività portuali. Venerdì 14 maggio scorso si è tenuto il secondo appuntamento dal titolo “La gestione dei sedimenti e fanghi portuali: criticità e possibili soluzioni”. Disponibile online il video dell’evento

Bonifiche: il primo anno di vita della direzione generale dedicata a rinnovare il sistema delle bonifiche in Italia

Bonifiche: il primo anno di vita della direzione generale dedicata a rinnovare il sistema delle bonifiche in Italia

Nel primo anno di vita la Direzione Generale con competenze in materia di Bonifica ha avviato un processo organizzativo nonché di completa riforma del settore che, in linea con gli indirizzi comunitari e nazionali sulla transizione ecologica, sta lavorando al fine di rinnovare il sistema delle bonifiche e renderlo più efficiente partendo dalla consapevolezza degli effetti che la conclusione dei procedimenti potrebbe portare per una gestione più sostenibile del suolo rigenerato. Agire contestualmente sulle funzioni amministrative ed operative è il presupposto su cui la Direzione Generale ha avviato il processo di riforma delle bonifiche.

In un comunicato stampa il Ministero della Transizione ecologica fa il punto su quanto effettuato in quest’anno.

Mappatura amianto in Friuli Venezia Giulia: le attività di Arpa FVG

Mappatura amianto in Friuli Venezia Giulia: le attività di Arpa FVG

Dal 2017 Arpa FVG collabora con la Regione i Comuni e le Aziende Sanitarie regionali. nella campagna di mappatura georeferenziata degli edifici e dei manufatti contenenti amianto presenti nel territorio regionale attraverso l’applicativo A.R.Am. Archivio Regionale Amianto.
A.R.Am. è stato integrato, a partire dal 2019, con una sezione dedicata al censimento delle coperture in cemento amianto con l’utilizzo di immagini ad alta definizione rilevate da drone. Questo progetto ha coinvolto i 25 Comuni della Regione più densamente popolati, interessando oltre il 50% degli abitanti. Le coperture rilevate sono circa 14.000. Sono state identificate con un certificato di mappatura, con un codice univoco, misurate in m2 e associate ai proprietari.

Siti di Interesse Nazionale, online la modulistica per la valutazione delle opere

Siti di Interesse Nazionale, online la modulistica per la valutazione delle opere

Con un comunicato stampa il Ministero della Transizione Ecologica avvisa che è stata pubblicata la modulistica da compilare per la presentazione di istanze di avvio del procedimento di valutazione di interventi e opere da effettuare in aree ricomprese in siti di interesse nazionale (Sin), anche in presenza di interventi ed opere che non prevedono attività di scavo ma comportano occupazione permanente di suolo.

Elementi metodologici per una valutazione del rischio associato all’esposizione a contaminanti multipli, con particolare riferimento alla popolazione residente in aree di particolare rilevanza ambientale

Elementi metodologici per una valutazione del rischio associato all’esposizione a contaminanti multipli, con particolare riferimento alla popolazione residente in aree di particolare rilevanza ambientale

Il report descrive la sintesi dei principali criteri metodologici utilizzati per la valutazione del rischio associato all’esposizione a contaminanti multipli o esposizione cumulativa. L’obiettivo del documento è quello di esaminare la consistenza tecnico-scientifica delle metodologie disponibili per la valutazione del rischio associato all’esposizione a contaminanti multipli, gli aspetti quantitativi della reale esposizione e, soprattutto, la concreta applicabilità di tali procedure nella realtà operativa