CICLO IDRICO INTEGRATO E PICCOLI COMUNI: LA SODDISFAZIONE DELL’UNCEM

L’articolo 64 del Collegato ambientale alla legge di stabilità (legge 221/2015), approvato a dicembre 2015 dal Parlamento ed entrato in vigore il 2 febbraio 2016 stabilisce che i piccoli Comuni delle Terre Alte potranno continuare a gestire da soli, in economia, il ciclo idrico integrato. Acquedotto, fognatura e depurazione potranno dunque continuare a essere organizzati direttamente dai Comuni montani con meno di mille abitanti, ma anche nei Comuni che presentano contestualmente le seguenti caratteristiche: approvvigionamento idrico da fonti pregiate, sorgenti in parchi naturali o aree naturali protette, utilizzo efficiente della risorsa e tutela del corpo idrico.

Potrebbero interessarti anche...