CON L’ECOISOLA DI ECOLIGHT RACCOLTE 15 TONNELLATE PICCOLI RAEE NEL 2020

Ecolight ha diffuso i risultati ottenuti nel 2020 attraverso la raccolta di prossimità dei rifiuti elettronici: quasi 15 le tonnellate di RAEE che sono state conferite nelle EcoIsole del consorzio Ecolight e gestite da Ecolight Servizi . Il consorzio nazionale per la gestione di RAEE, pile e accumulatori, anche nel 2020 ha continuato a sostenere il progetto per incrementare la raccolta di piccoli elettrodomestici e lampadine non più funzionanti: le 33 EcoIsole , posizionate in corrispondenza di grandi strutture commerciali e in luoghi a elevata frequentazione ( nelle principali città di Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Lazio e Marche,) hanno permesso di intercettare oltre 13 tonnellate tra frullatori, tablet e cellulari, e più di una tonnellata e mezza di sorgenti luminose a risparmio energetico e neon. Sono così state avviate a recupero 7 tonnellate di metalli e 4 di plastica.
Il progetto EcoIsola, che introduce una raccolta di prossimità dei RAEE, nonostante la pandemia ha ottenuto buoni risultati e conferma il proprio duplice valore: da una parte, infatti, c’è la possibilità che viene data ai consumatori di avere un punto di conferimento alternativo all’eco centro comunale per i loro piccoli elettrodomestici rotti; dall’altra, c’è il servizio alla Distribuzione: i grandi punti vendita, in virtù del principio dell’Uno contro Zero, dal 2016 sono obbligati dalla legge a raccogliere cellulari, piccoli utensili elettronici e lampadine – con dimensioni fino a 25 cm – gratuitamente.
Le EcoIsole sono un cassonetto intelligente interamente automatizzato che permette il conferimento, attraverso due bocche distinte, di RAEE di piccole dimensioni. Uno sportello è dedicato al conferimento di piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo, rifiuti identificati nel raggruppamento R4 dei RAEE; il secondo è invece per la raccolta delle lampadine a risparmio energetico e delle sorgenti luminose fluorescenti (raggruppamento R5). L’accesso all’EcoIsola avviene attraverso l’uso della carta regionale dei servizi, così da poter tracciare i rifiuti conferiti.
Comunicato Ecolight qui

Fonte: Ecolight

Potrebbero interessarti anche...