Criteri metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio ai siti contaminati

L’analisi di rischio sanitario-ambientale è attualmente lo strumento più avanzato di supporto alle decisioni nella gestione dei siti contaminati. Tale strumento consente di valutare in via quantitativa i rischi per la salute umana connessi alla presenza di inquinanti nelle matrici ambientali. Rifiutilab segnala l’aggiornamento dei “Criteri metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio ai siti contaminati” elaborati nell’ambito di un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti delle ARPA/APPA, dell’ISS, dell’ISPESL, dell’ICRAM istituito e coordinato dall’APAT. Obiettivo di tale gruppo di lavoro è l’elaborazione e la revisione di documenti tecnici contenenti le indicazioni teoriche ed applicative per tecnici delle Pubbliche Amministrazioni, ricercatori, professionisti ed operatori del settore che si trovino a dover redigere e/o valutare progetti di bonifica dei siti contaminati contenenti elaborazioni di analisi di rischio sanitario-ambientale. L’approccio utilizzato nei manuali fa riferimento allo standard RBCA dell’ASTM (E 1739-95, E 2081-00). Le appendici ai criteri metodologici descrivono nel dettaglio, i criteri adottati e le analisi effettuate per l’individuazione e la selezione delle equazioni.

Potrebbero interessarti anche...