Dall’Agenzia Europea dell’Ambiente mappe per capire il cambiamento climatico in Europa

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) ha pubblicato una raccolta di diverse mappe esistenti che illustra come la siccità, le piogge intense e le inondazioni, gli incendi boschivi e l’innalzamento del livello del mare potrebbero avere  ripercussioni significative sulla vita di alcune regioni specifiche in Europa, tra cui l’Europa centrale, la penisola iberica, la Scandinavia, Bretagna e Venezia.

La maggiore esposizione ai pericoli legati al cambiamento climatico sarà diversa da regione a regione in Europa motivo per cui in queste aree sarà particolarmente importante  attuare misure di adattamento e resilienza non che, a livello generale,  limitare i cambiamenti climatici per evitare gli impatti peggiori. Le valutazioni dell’agenzia, compreso lo stato dell’ambiente e le prospettive (SOER) 2020 recentemente pubblicato in Europa, indicano un peggioramento dei cambiamenti climatici e dei loro effetti in futuro, anche se gli sforzi globali per ridurre le emissioni di gas a effetto serra che si stanno compiendo si dimostrano efficaci. Gli eventi meteorologici estremi legati al clima che comportano pericoli come inondazioni, siccità, incendi boschivi e livello estremo del mare diventeranno più frequenti e intensi in molte regioni. Ciò porterà a impatti negativi su ecosistemi, settori economici e salute e benessere umani. Gli impatti dei cambiamenti climatici influenzeranno anche le aree urbane in Europa. Ad esempio, le città basse nei Paesi Bassi, in Germania, in Belgio e lungo le coste settentrionali italiane, in particolare Venezia, sono tra le città più esposte alle inondazioni costiere in Europa a causa di una combinazione di innalzamento del livello del mare e mareggiate.

Tutti questi impatti rendono cruciale l’adattamento ai cambiamenti climatici. L’adattamento dovrà essere tarato sulle specifiche circostanze regionali e locali, compresi i pericoli per il clima affrontati  e altri aspetti regionali e locali.

Approfondimenti qui

Fonte: ISPRA

Potrebbero interessarti anche...