DQA: Le organizzazioni europee dei bacini fluviali invocano il principio della revisione “One out all out”

La rete internazionale delle organizzazioni di bacino in Europa (EUROPE-INBO) dichiara che il principio del “one out all out” (fuori uno fuori tutti) deve essere rivisto al fine di rispecchiare meglio i progressi compiuti e rimuovere l’effetto smobilitante di tale principio. Questa dichiarazione fa parte della seconda bozza di dichiarazione che è stata fatta durante la XVII Conferenza Internazionale di EUROPA-INBO per l’attuazione delle Direttive europee sull’acqua che si sono svolte dal 17 al 20 giugno a Lahti, in Finlandia.

Secondo il principio “one out all out” della direttiva quadro sulle acque (DQA), il buono stato di un corpo idrico viene raggiunto se tutti i parametri sono considerati validi. Manca un singolo parametro è sufficiente per il downgrade di tutti loro. Secondo la seconda versione provvisoria della Dichiarazione di Lahti questo approccio ha diversi svantaggi. “Con un tale principio, la classificazione ecologica così ottenuta non riflette i progressi parziali compiuti nei bacini, in particolare sulla riduzione delle pressioni significative. In alcuni casi, parametri come elementi idromorfologici e fisico-chimici possono riflettere meglio i cambiamenti nello stato dell’acqua, mentre i parametri biologici sono utilizzati per riflettere lo stato dell’intero ecosistema. Anche la comunicazione sullo stato chimico e quantitativo delle acque sotterranee è problematica in quanto lo stato generale non riflette sempre i progressi compiuti nel miglioramento dello stato chimico.

Articolo completo qui

Fonte: waternewseurope

Potrebbero interessarti anche...