Efficienza energetica, l’Italia recepisce la Direttiva UE

E’ stato approvato il 30 giugno 2014 dal Consiglio dei Ministri il testo definitivo del Decreto di recepimento della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE. Obiettivo principale del decreto è la riduzione della dipendenza dell’Unione dalle importazioni di energia, sfruttando lo strumento dell’efficientamento energetico e mettendo in atto azioni volte a dare stimolo all’economia nell’attuale fase di crisi ed a contrastare i cambiamenti climatici in atto. La risorse finanziarie complessive per l’attuazione delle misure ammontano complessivamente a oltre 800 milioni.

Tra le principali misure previste per il raggiungimento di tale obiettivo ci sono:

  • Fondo nazionale per l’efficienza energetica strumento finanziario di supporto programma di interventi di riqualificazione energetica negli edifici della PA centrale, rafforzamento del vincolo di acquisto di prodotti e servizi ad alta efficienza energetica;
  • Obbligo, a partire dal 5 dicembre 2015, per le grandi aziende e le imprese ad alta intensità energetica, di eseguire diagnosi energetiche periodiche, utili per individuare gli interventi più efficaci per ridurre i consumi di energia e la realizzazione degli stessi;
  • Avvio di un’analisi sul territorio nazionale per identificare le aree con maggiore potenziale di sviluppo del teleriscaldamento, al fine di indirizzare gli investimenti e semplificare i procedimenti autorizzativi. Introduzione di nuove regole per sostenere l’efficienza energetica.

Potrebbero interessarti anche...