ILLUMINAZIONE PUBBLICA, RISPARMI FINO A 400 MLN CON SISTEMA ANTI-SPRECHI

Enea ha creato Public Energy Living Lab (PELL) un sistema di gestione dell’illuminazione pubblica in grado di monitorarne e renderne trasparenti i consumi. In particolare il sistema PELL consente di programmare interventi di efficientamento dei punti luce pubblici a livello nazionale con grandi risparmi economici. Il sistema è in fase di sperimentazione in venti comuni italiani ed è stato inserito da CONSIP nella Convenzione Servizio Luce 4 come strumento di monitoraggio della qualità del servizio di illuminazione pubblica. Alla base della ricerca che ha portato alla nascita di PELL l’obiettivo rendere disponibile un sistema di rilevamento dati puntuale, standardizzato e strategico per conoscere lo stato degli impianti e valutare piani di riqualificazione che garantiscono minori consumi, risparmi in bolletta, sicurezza per i cittadini, qualità del servizio e valorizzazione della città e del suo patrimonio. PELL consiste in una sorta di piattaforma digitale per raccolta dati, rilevazioni, diagnostica dei consumi energetici, analisi delle prestazioni degli impianti; grazie al costante monitoraggio e alla valutazione delle prestazioni, consente di innovare profondamente le modalità di gestione dell’illuminazione pubblica, un settore che consuma 5,9 TWh all’anno con una spesa di circa 1 miliardo di euro. La riqualificazione del sistema di illuminazione pubblica nazionale, attraverso interventi di efficienza aventi come oggetto la sostituzione delle tecnologie illuminanti e le modalità di gestione degli impianti (ad. es. telecontrollo) permetterebbe di abbattere di oltre un terzo i consumi di energia, con un risparmio di circa 400 milioni di euro e 1 milione di tonnellate in meno di CO2.

Potrebbero interessarti anche...