L’agenzia Europea per l’ambiente fa il punto sull’inquinamento: disponibili 2 nuovi report

L’Agenzia Europea per l’Ambiente ha recentemente pubblicato 2 report che analizzano lo stato della qualità dell’aria in Europa:

  • Air quality in Europe — 2018 report
  • Recent trends and projections in EU greenhouse gas emissions.

Air quality in Europe — 2018 report (clicca qui per scaricarlo)

Il rapporto propone un’analisi della qualità dell’aria in Europa in una serie storica che va dal 2000 al 2016. Esamina i progressi compiuti verso il rispetto degli standard di qualità dell’aria stabiliti nelle due direttive UE sulla qualità dell’aria ambiente e verso la qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) linee guida (AQG). Presenta le ultime ricerche sull’esposizione della popolazione e degli ecosistemi agli inquinanti atmosferici con i maggiori impatti ed effetti. La valutazione dello stato della qualità dell’aria si basa principalmente su misurazioni in combinazione con dati di modellizzazione e dati sulle emissioni antropogeniche e la loro evoluzione nel tempo.

Per la prima volta, il rapporto Qualità dell’aria in Europa presenta informazioni sulle concentrazioni per la maggior parte degli inquinanti atmosferici a livello nazionale per tutto il Paesi del SEE-39 (i 33 paesi membri e sei paesi cooperanti. Questo è grazie a un miglioramento nella segnalazione ufficiale dei dati da parte di tutti.

Le concentrazioni di particolato (PM) in questi anni hanno continuato a  superare i valori limite UE e gli AQG dell’OMS in gran parte dell’Europa nel 2016. Per le PM con diametro di 10 μm o meno (PM10) le  concentrazioni sopra il valore limite giornaliero dell’UE sono state registrate nel 19% delle stazioni di segnalazione in 19 dei 28 Stati membri dell’UE(UE-28) e in altri otto paesi segnalanti; per PM2.5, concentrazioni superiori al valore limite annuale sono state registrate nel 5% delle stazioni di segnalazione in quattro Stati membri e altri quattro paesi dichiaranti. L’AQG WHO a lungo termine per PM10 è stato superato nel 48% delle stazioni e in tutti i paesi segnalanti tranne Estonia, Islanda, Irlanda e Svizzera. Il AQG WHO a lungo termine per PM 2.5 è stato superato nel 68% delle stazioni situate in tutti i paesi segnalanti tranne Estonia, Finlandia, Ungheria, Norvegia e Svizzera.

 

Recent trends and projections in EU greenhouse gas emissions (clicca qui  per scaricarlo)

Le emissioni di gas serra (GHG) nell’Unione europea (UE) sono aumentate dello 0,6% nel 2017, secondo le stime preliminari degli Stati membri, soprattutto a causa del trasporto su strada. Senza ulteriori politiche e misure solide e ambiziose, quelle attualmente in vigore a livello nazionale non saranno sufficienti per raggiungere gli obiettivi di riduzione fissati per il 2030. Questo piccolo rapporto riassume i risultati chiave delle recenti analisi EEA e delle valutazioni dei progressi verso gli obiettivi climatici nell’UE. Il lavoro è basato sugli Stati membri e sulle stime preliminari delle loro emissioni di GHG nel 2017, le loro ultime proiezioni di GHG per il 2030 e i dati riportati sotto nel  Sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE (ETS). I risultati sono disponibili nel rapporto Inventario dei gas a effetto serra nell’Unione europea: stima delle emissioni di gas serra GHG per il 2017, Tendenze eproiezioni in Europa 2018 Monitorare i progressi verso gli obiettivi climatici e Tendenze e proiezioni nell’UE ETS 2018  l’ETS in numeri.

Fonte: Agenzia Europea per l’Ambiente

 

 

Potrebbero interessarti anche...