Le emissioni della maggior parte degli inquinanti atmosferici nocivi sono diminuite nel 2018, segnando i progressi dell’UE nell’ambito della Convenzione delle Nazioni Unite

Il rapporto European emission inventory 1990- 2018  dell’Agenzia europea per l’ambiente conferma la tendenza generale di progressi costanti ma lenti da parte degli Stati membri dell’UE (compreso il Regno Unito per il periodo in cui è stato membro dell’UE) dal 1990 nel ridurre le emissioni dei principali inquinanti atmosferici presenti in Europa.  26 sono gli inquinanti monitorati nel rapporto inviato dall’UE alla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE).

Tra il 2017 e il 2018, le emissioni di ossidi di azoto (NO x ), composti organici volatili non metanici (NMVOC), ossidi di zolfo (SO X ), particolato fine (PM 2.5 ), monossido di carbonio (CO) e ammoniaca (NH3) sono diminuiti del 4,1%, 2,0%, 6,7%, 3,8%, 4,3% e 1,6%, rispettivamente, per l’intera UE. Differenze più ampie sono state segnalate dagli Stati membri, con un aumento delle emissioni di alcuni inquinanti che si verificano in un certo numero di singoli paesi.

Nel 2018, il settore residenziale e domestico, uno dei principali settori di emissione di numerosi inquinanti, ha emesso nell’aria il 61% di tutti gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), il 51% di tutti i PM 2,5 primari e il 41% di tutte le diossine e furani nell’UE. Come negli anni passati, circa il 93% di tutte le emissioni di NH 3 proveniva dall’agricoltura. Il trasporto su strada era responsabile del 39% di tutte le emissioni di NOx, seguito dai settori della produzione e distribuzione di energia (16%) e dei settori commerciale, istituzionale e delle famiglie (14%). La produzione e la distribuzione di energia, comprese le emissioni delle centrali elettriche, sono state anche responsabili del 41% di tutto il mercurio e del 48% di tutta la SO X emissa. Queste cifre riflettono i dati sulle emissioni per il periodo 1990-2018 e non tengono conto degli effetti del blocco COVID-19.

Il rapporto della Convenzione aerea dell’UE tiene traccia delle emissioni di inquinanti atmosferici chiave negli ultimi anni. Viene presentato ogni anno dall’UE all’UNECE in base ai requisiti del protocollo di Göteborg alla convenzione aerea, che mira a limitare e, per quanto possibile, ridurre e prevenire gradualmente l’inquinamento atmosferico. Il protocollo stabilisce inoltre limiti di emissione per una serie di inquinanti atmosferici che devono essere rispettati dal 2010 in poi e impegni di riduzione delle emissioni per il 2020 e oltre.

Gli impegni nazionali di riduzione delle emissioni dell’UE nella direttiva (NEC), traspongono gli obblighi dell’UE ai sensi del protocollo di Göteborg nella legislazione dell’UE. La direttiva NEC stabilisce impegni di riduzione delle emissioni per cinque principali inquinanti atmosferici per il periodo 2020-2029 e obblighi più ambiziosi per il 2030 in poi. L’AEA ha recentemente evidenziato le ultime informazioni comunicate separatamente dagli Stati membri in merito alla direttiva NEC. L’inquinamento atmosferico è il più grande rischio ambientale per la salute umana in Europa, che causa malattie croniche e gravi come l’asma, i problemi cardiovascolari e il cancro ai polmoni e riduce la durata della vita. La scarsa qualità dell’aria causata dall’inquinamento atmosferico può anche danneggiare la vegetazione e gli ecosistemi. Inoltre, numerosi inquinanti atmosferici contribuiscono anche ai cambiamenti climatici.

Il rapporto è disponibile qui

Fonte: Agenzia europea per l’ambiente

Potrebbero interessarti anche...