Le fonti dei rifiuti in Plastica

La plastica monouso – i prodotti di plastica economici che usiamo una volta e poi buttiamo via – incarnano la crisi della plastica. Oggi, la plastica monouso rappresenta oltre un terzo della plastica prodotta ogni anno, con il 98% prodotta da combustibili fossili. Il Rapporto individua i principali produttori di polimeri per la plastica monouso.

Il costo dei rifiuti di plastica monouso è enorme. Di tutte le plastiche, è più probabile che finiscano nel nostro oceano, dove rappresentano quasi tutto l’inquinamento visibile, nell’intervallo da cinque a 13 milioni di tonnellate ogni anno.  Una volta lì, la plastica monouso alla fine si scompone in minuscole particelle che influiscono sulla salute della fauna selvatica e sulla capacità dell’oceano di immagazzinare carbonio. Le plastiche monouso contengono additivi chimici come i plastificanti che sono stati trovati negli esseri umani e sono collegati a una serie di problemi di salute riproduttiva. E se la crescita nella produzione di plastica monouso continua ai tassi attuali, potrebbero rappresentare cinque al 10 per cento delle emissioni di gas a effetto serra a livello mondiale entro il 2050. In questo rapporto, si identificano per la prima volta le aziende che producono da combustibili fossili i cinque polimeri primari che generano la stragrande maggioranza dei rifiuti di plastica monouso a livello globale (“produttori di polimeri plastici monouso vergini”) – e quali investitori e banche li stanno finanziando. Si valuta anche quali aziende stanno compiendo sforzi reali per creare un’economia circolare della plastica e stimiamo come si prevede che la produzione di polimeri vergini crescerà o diminuirà in futuro.

I dati principali del rapporto:

  • Nel 2019, solo 20 produttori di polimeri rappresentavano più della metà di tutti i rifiuti di plastica monouso generati a livello globale e i primi 100 rappresentavano il 90%. ExxonMobil e Dow, entrambe con sede negli Stati Uniti, sono in cima alla lista, seguite dalla cinese Sinopec, con queste tre società che insieme rappresentano il 16% dei rifiuti di plastica monouso globali. Dei circa 300 produttori di polimeri che operano a livello globale, una piccola frazione tiene nelle loro mani il destino della crisi mondiale della plastica: la loro scelta di continuare a produrre polimeri vergini, piuttosto che polimeri riciclati, avrà enormi ripercussioni sulla quantità di rifiuti raccolti, gestiti e si disperde nell’ambiente.
  • I principali investitori e banche globali stanno favorendo la crisi della plastica monouso. Venti gestori patrimoniali istituzionali – guidati da società statunitensi Vanguard Group, BlackRock e Capital Group – detengono azioni per un valore di oltre 300 miliardi di dollari nelle società madri di questi produttori di polimeri, di cui circa 10 miliardi di dollari provengono dalla produzione di polimeri vergini per singolo -usare plastica. Si stima che venti delle più grandi banche del mondo, tra cui Barclays, HSBC e Bank of America, abbiano prestato quasi 30 miliardi di dollari per la produzione di questi polimeri dal 2011.
  • C’è stato un fallimento del settore collettivo nel passaggio dalle materie prime a base di combustibili fossili. I 100 maggiori produttori di polimeri continuano tutti a fare affidamento quasi esclusivamente su materie prime “vergini” (a base di combustibili fossili). Nel 2019, la produzione di polimeri riciclati da rifiuti di plastica – un modello “circolare” – ha rappresentato non più del due per cento della produzione totale. Oltre 50 di queste aziende hanno ricevuto un voto “E” – il più basso possibile – quando valutato per la circolarità, indicando una totale mancanza di politiche, impegni o obiettivi. Altre 26 società, tra cui ExxonMobil e Formosa Plastics Corporation di Taiwan, hanno ricevuto un “D-” a causa della mancanza di obiettivi / scadenze chiari.
  • L’espansione pianificata della capacità di produzione di polimeri vergini minaccia di sopraffare le speranze di un’economia circolare della plastica. Nei prossimi cinque anni, la capacità globale di produrre polimeri vergini per materie plastiche monouso potrebbe crescere di oltre il 30% e fino al 400% per le singole aziende. È in arrivo una catastrofe ambientale: gran parte dei risultanti rifiuti di plastica monouso finirà come inquinamento nei paesi in via di sviluppo con sistemi di gestione dei rifiuti scadenti. Il tasso di crescita previsto dell’offerta di questi polimeri vergini è in linea con il tasso storico di crescita della domanda di plastica monouso, che probabilmente manterrà nuovi modelli circolari di produzione e riutilizzo “out of the money” senza stimolo normativo.
  • I rifiuti di plastica monouso sono un problema geopolitico radicato. La transizione dal modello “take-make-waste” delle plastiche monouso richiederà qualcosa di più della leadership aziendale e dei mercati dei capitali “illuminati”; richiederà un’immensa volontà politica. Ciò è sottolineato dall’elevato grado di proprietà statale in questi produttori di polimeri: si stima che circa il 30% del settore, in valore, sia di proprietà statale, con Arabia Saudita, Cina ed Emirati Arabi Uniti i primi tre. Inoltre, richiederà probabilmente un’azione concertata sulla scena politica internazionale per risolvere squilibri e disuguaglianze regionali profondamente radicati. I paesi ad alto reddito forniscono tipicamente paesi a reddito basso e medio-basso con volumi significativi di polimero; e mentre quest’ultimo gruppo di paesi genera molti meno rifiuti di plastica monouso pro capite, è vero il contrario in termini di rifiuti gestiti male e inquinamento da plastica.

Il Rapporto il lingua inglese è disponibile qui

Potrebbero interessarti anche...