Memoria dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente in merito alle proposte di legge recanti “Disposizioni in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque” (AC 52) e “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque” (AC 773)

L’ ARERA ha recentemente pubblicato la Memoria in merito alle proposte di legge recanti “Disposizioni in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque” (AC 52) e “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque” (AC 773). Proposte di legge che hanno la finalità di delineare i principi relativi alla gestione e all’utilizzo della risorsa idrica, nonché quella di favorire la definizione di un governo pubblico e partecipativo del ciclo integrato dell’acqua.
Entrambe le proposte sono volte a definire un quadro organico relativo al servizio idrico per garantire un uso sostenibile e solidale dell’acqua, nel l’ambito del le politiche complessive di tutela e di gestione del territorio ma con modalità diverse. Nella memoria ARERA  evidenzia la differenza tre i due decreti: Secondo ARERA  AC 52 rimane coerente alle scelte  di rinnovo e riqualificazione del settore fino ad ora seguite. AC 773 invece opera scelte contrastanti con quelle fino ad ora adottate  al fine di avviare riforme per il riassetto generale  del comparto.

Le osservazioni dell’ Autorità si chiudono con la richiesta di politiche di governance stabili e indipendente nel settore indispensabili al fine di superare le criticità esistenti, con norme e regole chiare  e certe che evitino gli elementi di sovrapposizione tra i diversi elementi istituzionali, affinché tutti gli attori del settore possano compiere le proprie scelte perseguendo l’obiettivo dell’efficienza a beneficio del consumatore. Pertanto, risulta di primaria importanza che le funzioni di regolazione siano neutrali ed indipendenti rispetto agli interessi confliggenti che caratterizzano il settore, per portare gradualmente a denominatore comune realtà geografiche estremamente difformi.
Le osservazioni sono disponibili qui
Fonte: ARERA

 

Potrebbero interessarti anche...