Newsletter Rifiutilab

Labelab Newsletter
Newsletter N°488 - Mercoledì 9 Dicembre 2020
NOVITÀ DA RIFIUTILAB
RIFIUTI URBANI: I FABBISOGNI IMPIANTISTICI ATTUALI E AL 2035
Lo studio pubblicato da Utilitalia nei giorni scorsi, basandosi su dati ufficiali e su conoscenze tecniche, si pone l’obiettivo di definire il fabbisogno impiantistico italiano per il trattamento dell’organico raccolto in modo differenziato nonché per il recupero energetico dei rifiuti urbani residui e dei rifiuti speciali da urbani, allo stato attuale ed al 2035. Il 2035 è il limite temporale fissato dalle direttive eu¬ropee sull’economia circolare per il conseguimento degli obiettivi in termini di rici¬claggio effettivo al 65% e di riduzione del ricorso allo smaltimento in discarica entro il 10%.
PUBBLICATO RAPPORTO FISE ASSOAMBIENTE 2020 SULLA STRATEGIA NAZIONALE DEI RIFIUTI – DISPONIBILI IL RAPPORTO E VIDEO DELL’EVENTO DI PRESENTAZIONE
Disponibile sul sito dell’Associazione il Rapporto FISE Assoambiente 2020 “Per una Strategia Nazionale dei rifiuti – Seconda parte: la strategia mette le gambe”. Il Rapporto, realizzato per l’Associazione dal Laboratorio REF Ricerche, parte da un presupposto, nei prossimi 15 anni il nostro Paese è chiamato a raggiungere gli sfidanti obiettivi europei che l’avvento dell’Economia Circolare pone, con la riduzione al 10% dello smaltimento in discarica dei rifiuti urbani e il raggiungimento di un target di riciclo del 65% . I dati evidenziano come il nostro Paese, per meglio dire alcune sue aree siano ancora molto distanti dal raggiungimento di questi target, soprattutto a causa della carenza di impianti di gestione.
LINEE GUIDA FISE ASSOAMBIENTE PER PREVENIRE REATI NELLA GESTIONE RIFIUTI (APPLICAZIONE DEL D.LGS 231/2001) – TESTO E VIDEO DELL’EVENTO DI PRESENTAZIONE
Presentate nei giorni scorsi le Linee Guida “Modelli organizzativi e sistemi di gestione ambientale: Linee Guida Associative per l’applicazione nel settore della gestione dei rifiuti del D.Lgs. 231/2001” della FISE Assoambiente. Perno centrale del documento  sono i MOG (Modelli di Organizzazione e Gestione), un sistema di controllo preventivo che parte da un’analisi dei rischi, individua le fattispecie di reato cui è potenzialmente sottoposta l’organizzazione e definisce un adeguato sistema di prevenzione e controllo.
L’AZIONE DELL’UE PER AFFRONTARE IL PROBLEMA DEI RIFIUTI DI PLASTICA
Il documento esamina la risposta dell’UE al problema sempre più pressante dei rifiuti di plastica, con particolare riguardo ai rifiuti di imballaggio di plastica.
RIFIUTI: 300 EURO A FAMIGLIA NEL 2020. I NUOVI DATI DELL’OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI CITTADINANZATTIVA
Pubblicati i dati dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva sulla tassa dei rifiuti pagata in Italia nel 2020. Second il report la media si attesta sui di 300€ per una famiglia di 3 persone ed una casa di proprietà di 100 metri quadri. Cifra rimasta invariata rispetto all'anno precedente. La regione in cui si rileva la spesa media più bassa è il Trentino Alto Adige (€193), dove si registra un incremento del 1,4% rispetto all'anno precedente. Al contrario, la regione con la spesa più elevata resta la Campania (€ 419, -0,4% rispetto al 2019).
FINESTRA SULLA PREVENZIONE DEI RIFIUTI a cura di Mario Santi – rifiutologo@hotmail.it
LA CRISI COME OCCASIONE DI RIPENSAMENTO: DALLO SPRECO ANCORA TROPPO ALTO DALLA SOVRANITÀ ALIMENTARE. LA QUESTIONE DEL CIBO IN UNA “SOCIETÀ DELLE CURA”
Oltre la GDO, per comunità che producono, distribuiscono, consumano cibo; e relazioni. Dall’agroecologia vs agroindustria al recupero delle eccedenze alimentari.
NOVITÀ DA ACQUALAB
RIUSO DELLE ACQUE DEPURATE IN AGRICOLTURA: UNA SCELTA INDIFFERIBILE DI REF RICERCHE
E' stato pubblicato recentemente lo studio Riuso delle acque depurate in agricoltura: una scelta indifferibile a cura di Ref ricerche. Il riuso delle acque reflue può assicurare benefici ambientali, economici e sociali, che maturano non solo a favore degli utilizzatori finali, ma anche della collettività e degli ecosistemi naturali. L’Italia è tra i Paesi che potrebbero trarre i maggiori benefici dal riutilizzo, e le tecnologie di depurazione applicabili sono mature”. Ad oggi, in Italia su oltre 3.300.000 ettari irrigati, le acque depurate sono utilizzate solo a servizio di 15.000 ettari circa, oltre la metà dei quali in Emilia-Romagna.
OSSERVATORIO ANBI SULLE RISORSE IDRICHE: I DATI CONFERMANO L’INARIDIMENTO DELLA DORSALE ADRIATICA. AL SUD TORNANO LE PIOGGE, MA CREANO ANCHE DANNI
Secondo le analisi dell' Osservatorio ANBI sulle risorse idriche in tutta l’Italia centro-settentrionale l’andamento sta indicando un calo generalizzato nelle portate dei fiumi (in controtendenza solo Savio e Reno in Emilia Romagna, Serchio in Toscana) e nei livelli dei principali laghi. Esemplare è la condizione del fiume Po, le cui portate sono dimezzate rispetto alla media ed in linea con quelle di  Luglio.
PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO RENDIS 2020 – VIDEO ED ATTI
Il 23 Novembre 2020 ISPRA ha presentato il Rapporto Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo" (ReNDiS), realizzato per illustrare le attività, le problematiche e i risultati conseguiti nel monitoraggio sugli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico, che l’ISPRA svolge dall’inizio del 2000 per conto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il rapporto, attraverso l’analisi dei contenuti e dell’evoluzione che ReNDiS ha avuto negli anni, fornisce una lettura sinottica delle informazioni di tipo normativo, tecnico, finanziario ed attuativo sugli interventi monitorati a partire dal 2000, e descrive la consistenza e le caratteristiche delle richieste di finanziamento presentate negli ultimi anni.
NOVITÀ DA ENERGIALAB
GEOTERMIA E AMBIENTE: FOCUS SU ASPETTI NORMATIVI – VIDEO DEL WORKSHOP
l workshop tecnico è stato organizzato lo scorso 26 novembre nel quadro delle attività del progetto europeo GEOENVI Tackling the environmental concerns for deploying geothermal energy in Europe. Il progetto mira a definire una strategia per rispondere alle preoccupazioni ambientali stabilendo una metodologia per valutare e minimizzare gli impatti e i rischi nel settore della geotermia profonda. Una delle attività di GEOENVI si occupa di raccogliere, organizzare e analizzare lo stato attuale delle normative e delle pratiche ambientali per lo sviluppo dell’energia geotermica profonda e di impegnarsi con le parti interessate e i decisori politici per sviluppare raccomandazioni per il loro miglioramento. Gli organizzatori mettono a disposizione online il video della conferenza. SNPA propone una breve sintesi della mattinata che riportiamo a seguito.
RAPPORTO WINDEUROPE
Il rapporto di WindEurope diffuso in Italia dall’Anev racconta come la leadership europea nel settore eolico continuerà a offrire benefici per occupazione, sviluppo economico e taglio delle emissioni di CO2. Ma è fondamentale la realizzazione dei Piani nazionali energia e clima con la crescita della capacità installata che dovrebbe arrivare a 397 Gigawatt Secondo le stime contenute nel rapporto la leadership europea nel settore dell’energia eolica continuerà ad offrire benefici come occupazione, sviluppo economico e riduzione della CO2.
NUOVI MODELLI DI PRODUZIONE E CONSUMO DELL’ENERGIA, ATTENZIONE AL TERRITORIO E COINVOLGIMENTO DELLE REALTÀ LOCALI – VIDEO
L'evento si è tenuto online lo scorso 23 Novembre. Gli organizzatori mettono a disposizione degli interessati online il video della mattinata, assieme alle presentazioni dei relatori ed una sintesi dei temi principali trattati nella discussione.
ENERGIA E AMBIENTE PER IL RILANCIO DEI TERRITORI – METODOLOGIE NAZIONALI PER L’ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI: LA PIANIFICAZIONE DELL’ADATTAMENTO A SCALA REGIONALE
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha avviato un percorso istituzionale finalizzato a diffondere a livello regionale e locale la cultura dell’adattamento ai cambiamenti climatici e a superare le disparità territoriali in materia, coerentemente con i contenuti della Strategia Nazionale di Adattamento ai cambiamenti climatici (SNAC) e del Piano Nazionale di Adattamento (PNACC), in corso di approvazione. Tale percorso è alla base delle attività della Linea di Intervento 5 “Rafforzamento della capacità amministrativa per l’adattamento ai cambiamenti climatici” del Progetto “CReIAMO PA”, volte allo sviluppo di competenze, alla definizione e diffusione di metodologie per l’adattamento ai cambiamenti climatici. In questo contesto si è svolto lo scorso 26 ottobre il convegno: metodologie nazionali per l'adattamento ai cambiamenti climatici: la pianificazione dell'adattamento a scala regionale
NOVITÀ DA BONIFICHELAB
BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI, RECUPERO AMBIENTALE, CONTRASTO AL CONSUMO DI SUOLO, SVILUPPO ECONOMICO – VIDEO
L'incontro si è tenuto lo scorso 30 novembre in modalità online ed è stato organizzato da RemtechExpo che rende disponibile online su facebook la registrazione dell'evento. L’obiettivo dell'incontro era di condividere l’importanza della diffusione di una quantità di informazioni la cui qualità consenta di formulare scelte “consapevoli” tanto nell’ambito dei “miglior operatori possibili” in un settore dove la selezione del fornitore è una attività assai problematica quanto in quello delle politiche di gestione del territorio.
PUBBLICATA IN GU PROCEDURA PER L’ACCESSO AI FINANZIAMENTI DEL FONDO AMIANTO PER GLI EDIFICI PUBBLICI
E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale – n. 288 del 19 novembre 2020 il Decreto Direttoriale n. 486 del 13 dicembre 2019 recante il bando relativo all’annualità 2018 per l’accesso ai finanziamenti del fondo per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi di bonifica di beni pubblici contaminati da amianto, così come  istituito  dalla Legge 28 dicembre 2015, n. 221 (“Collegato Ambiente”). Il fondo è finalizzato a finanziare i costi per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi di
NOVITÀ DA ARIALAB
LA QUALITÀ DELL’ARIA IN ITALIA. EDIZIONE 2020 – RAPPORTO E PRESENTAZIONI
E' stato presentato e pubblicato nei giorni scorsi dalla rete SNPA il Rapporto sulla qualità dell'aria in Italia nel 2020. Il rapporto illustra il quadro normativo di riferimento, le metodologie di analisi, un'analisi climatica sia a livello nazionale che dettaglio regionale, l'analisi di una serie di inquinanti a varie scale ed un focus regionale sulla qualità dell'aria durante il lookdawn2020.
NETTO MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL’ARIA IN EUROPA NELL’ULTIMO DECENNIO E DIMINUZIONE DEI DECESSI LEGATI ALL’INQUINAMENTO
E' stato recentemente pubblicato il rapporto2020 dell’AEA sulla qualità dell’aria in Europa Air quality in Europe — 2020 report, mostra che nel 2018 sei Stati membri hanno superato il valore limite dell’Unione europea (UE) per il particolato fine (PM2,5): Bulgaria, Cechia, Croazia, Italia, Polonia e Romania. Solo quattro paesi europei – Estonia, Finlandia, Irlanda e Islanda – presentavano concentrazioni di particolato fine inferiori ai valori guida più restrittivi dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Il rapport dell’AEA rileva che permane un divario tra i limiti legali per la qualità dell’aria dell’UE e gli orientamenti dell’OMS, una questione che la Commissione Europea intende affrontare con una revisione delle norme dell’UE nell’ambito del piano d’azione per l’inquinamento zero.
NOVITÀ DA MOBILITÀLAB
OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA SHARING MOBILITY: IL IV RAPPORTO NAZIONALE SULLA SHARING MOBILITY
Il Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility IV edizione è stato pubblicato dall'Osservatorio nazionale della sharing mobility promosso dal Ministero dell’Ambiente, Ministero dei Trasporti e dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile. L’edizione 2020 del Rapporto rappresenta l’ultima tessera di un mosaico che l’Osservatorio nazionale della sharing mobility ha costruito nell’ambito della conferenza nazionale #lessCARS. Un evento digitale durato 4 mesi che ha permesso di indagare e analizzare a fondo tanti aspetti che riguardano il mondo della sharing mobility. Temi tecnici e temi di attualità legati all’emergenza pandemica, ma anche tematiche che guardano al futuro e connesse al mondo della sostenibilità e della green economy.
RASSEGNA STAMPA
NASCE UNIPEC: LE PIATTAFORME E GLI IMPIANTI PER L’ECONOMIA CIRCOLARE ENTRANO IN UNICIRCULAR
Con un cominciato stampa FISE UNICIRCULAR (Unione Imprese dell’Economia Circolare) annunciano la nascita di una nuova sezione denominata UNIPEC, l’Unione Piattaforme ed Impianti per l’Economia Circolare. La nuova aggregazione nasce per dare voce alle aziende che effettuano attività di gestione di piattaforme e impianti a servizio dell’economia circolare, ossia quelli che effettuano una prima selezione e trattamento dei flussi di rifiuti che provengono dalle raccolte urbane o industriali, per la valorizzazione degli stessi tramite l’avvio al recupero delle frazioni recuperabili e l’avvio a smaltimento di quelle non recuperabili.
NASCE ASSOSHARING, ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA DELLA ‘SHARING MOBILITY’
E' nata Assosharing, la prima associazione di categoria del comparto sharing mobility, che avrà l'obiettivo di rappresentare un settore che conta oltre 5 milioni di utenti iscritti in Italia.
ENERGIA: ENEA BREVETTA NUOVI RIVESTIMENTI PER MIGLIORARE L’EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI SOLARI
I ricercatori ENEA del Centro di Portici (Napoli) hanno sviluppato un nuovo brevetto in base al quale è possibile rendere più efficienti gli impianti solari termodinamici, grazie a tubi ricevitori con nuovi rivestimenti capaci di limitare al massimo le perdite di calore a temperature molto elevate, mediante l’utilizzo di metalli come rame, alluminio, argento e oro. I tubi ricevitori di nuova generazione dovranno operare in vuoto, cioè limitando le perdite di calore e proteggendo i rivestimenti dagli agenti atmosferici, e a temperature quanto più alte possibili per aumentare la resa del ciclo di conversione dell’energia.
AGENDA
PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO RIFIUTI URBANI 2020 ISPRA
29/12/2020
TERRE E ROCCE DA SCAVO - CORSO A DISTANZA - A CURA DI TUTTOAMBIENTE
26/01/2021
5° GIORNATA DI STUDIO “RIFIUTI E LIFE CYCLE THINKING
05/03/2021
ACCADUEO 2021 - BOLOGNA
dal 23/06/2021 al 25/06/2021
RECOVERY & FINAL SINKS FOR AN EFFECTIVE WASTE MANAGEMENT
dal 07/07/2021 al 09/06/2021
Nota: Ai sensi del Regolamento Ue 2016/679 (GDPR) e del d.lgs. n. 196/2003 (Codice Privacy), la informiamo che è sua facoltà esercitare i diritti di cui all'art. 7 del suddetto Decreto. Per cancellarsi dalla mailing-list cliccare qui