Newsletter Rifiutilab

Labelab Newsletter
Newsletter N°490 - Mercoledì 13 Gennaio 2021
NOVITÀ DA RIFIUTILAB
 RAPPORTO RIFIUTI URBANI EDIZIONE 2020 – VIDEO DELLA PRESENTAZIONE ONLINE
Disponibile nel sito web il video della presentazione del Rapporto rifiuti urbani edizione 2020 tenutosi lo scorso 29 dicembre 2020. Il rapporto fornisce i dati, aggiornati all’anno 2019, sulla produzione, raccolta differenziata, gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti di imballaggio, compreso l’import/export, a livello nazionale, regionale e provinciale. Riporta, inoltre, le informazioni sul monitoraggio dell’ISPRA sui costi dei servizi di igiene urbana e sull’applicazione del sistema tariffario.
COMPARAZIONE AMBIENTALE DI SCENARI DI SVILUPPO INFRASTRUTTURALE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI – VIDEO
Utilitalia ha presentato uno studio scientifico che analizza la gestione dei rifiuti urbani considerata nel suo insieme e confronta strategie per ottimizzare il recupero di materia ed energia ed elevare il rendimento ambientale. Lo studio si basa sull’utilizzo dell'Analisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Analysis - LCA) con l'obiettivo di offrire elementi di supporto decisionale per quelle realtà che affrontano un percorso di sviluppo infrastrutturale per aumentare l'efficienza di sistemi esistenti. Disponibile online il video di presentazione.
LE LINEE GUIDA CONAI SULL’ETICHETTATURA AMBIENTALE DEGLI IMBALLAGGI SONO PUBBLICHE
Con un comunicato stampa CONAI comunica che sono finalmente pubbliche le nuove Linee Guida sull’etichettatura ambientale degli imballaggi, redatte da CONAI per provare a dare risposte all’obbligo di etichettatura in vigore dallo scorso 26 settembre, a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo 116.
BIOREPACK: IL SETTIMO CONSORZIO DI CONAI MUOVE I PRIMI PASSI
CONAI con un comunicato stampa annuncia che il settimo consorzio del sistema, Biorepack, inizia a muovere i primi passi. Dopo l’approvazione del suo statuto, arrivata con la pubblicazione del decreto costitutivo in Gazzetta Ufficiale il 14 novembre 2020, il Consorzio Nazionale Imballaggi muove i primi passi verso la realizzazione delle disposizioni ministeriali. CONAI diventa così il primo sistema di responsabilità estesa del produttore in Europa ad avere al suo interno un Consorzio dedicato alla valorizzazione degli imballaggi in bioplastica. Le adesioni a Biorepack sono già aperte. E dal 1° gennaio 2021 è stata resa disponibile la modulistica dichiarativa CONAI aggiornata, con evidenza delle tipologie di imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile.
SOSPENSIONE PARZIALE DELL’OBBLIGO DI ETICHETTATURA AMBIENTALE DEGLI IMBALLAGGI
Con un comunicato stampa CONAI avvisa che il Decreto “Milleproroghe 2021” apporta importanti novità anche sul tema dell’etichettatura ambientale degli imballaggi, prevedendo la sospensione, fino al 31 dicembre 2021, dell’obbligo di riportare sugli imballaggi destinati al consumatore finale, le indicazioni per supportare il cittadino nel corretto conferimento dell’imballaggio a fine vita (es. Raccolta differenziata + Famiglia di materiale. Verifica le disposizioni del tuo Comune). Ma purtroppo lascia invece in vigore l’obbligo di apporre su tutti gli imballaggi (primari, secondari, terziari) la codifica identificativa del materiale secondo la Decisione 129/97/CE.
DIRETTIVA OBBLIGHI DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEGLI PFU
Al fine di superare l’emergenza ambientale dovuta alla presenza sul territorio di quantità di PFU superiori rispetto a quelle coperte dal contributo ambientale di cui all’art. 6 del DM n. 182 del 2019, la direttiva prot n. 103883/MATTM dell’11/12/2020 (disponibile qui ) , il Ministero dell'Ambiente ha disposto che nell’anno 2021, tutte le forme associate alla gestione degli PFU e i sistemi individuali di gestione con immesso superiore alle 200 t, raccolgano e gestiscano quantità di PFU ulteriori del 15% rispetto alle quantità prescritte dal citato DM n. 182 del 2019, avvalendosi del contributo ambientale rideterminato per le nuove quantità.
ABITI USATI: UTILTALIA PRESENTA LE LINEE GUIDA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DELLA FILIERA
L’obiettivo delle “Linee guida per l’affidamento del servizio di gestione degli indumenti usati”, realizzate da Utilitalia è quello di fornire alle aziende di igiene urbana delle indicazioni per contribuire a rendere la filiera dei rifiuti tessili più trasparente e sostenibile sotto il profilo ambientale e sociale.
NUOVO ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN PLASTICA ALL’ACCORDO QUADRO ANCI-CONAI
È stato sottoscritto il nuovo Allegato Tecnico Imballaggi in Plastica all'Accordo Quadro ANCI-CONAI. Con un comunicato stampa COREPLA annuncia che è stato sottoscritto il nuovo Allegato, ANCI, CONAI e COREPLA . Con tale documento i sottoscrittori intendono garantire, in un quadro aggiornato di regole tecniche, la continuità della raccolta dei rifiuti di imballaggi in plastica in attesa della definizione dell'accordo di programma quadro previsto dai nuovi commi 5 e 5 bis dell’art. 224 del d. lgs.152/06.
ACCORDO QUADRO ANCI-CONAI, RINNOVATO L’ALLEGATO TECNICO ALLUMINIO
Con un comunicato stampa CIAL annuncia che a seguito del rinnovo dell’Accordo Quadro Anci-Conai per il quinquennio 2020 – 2024, è stato è stato sottoscritto il testo del nuovo Accordo Anci-CIAL, Allegato Tecnico Alluminio con validità dal 1° gennaio 2021.
CIRCULAR ECONOMY, RECOVERY PLAN E GREEN JOBS: QUALE FUTURO? STEFANO MAGLIA INTERVISTA EDO RONCHI – VIDEO
Circular Economy, Recovery plan e Green Jobs: quale futuro? Stefano Maglia intervista Edo Ronchi.
TERRE E ROCCE DA SCAVO: ANCORA QUANTI DUBBI! (CORSO A DISTANZA DI TUTTOAMBIENTE 26 FEBBRAIO 2021)
A distanza di oltre 3 anni dall’entrata in vigore del DPR 120/2017 sono ancora moltissimi i dubbi e le criticità relative alla corretta gestione delle terre e rocce da scavo, ancor più evidenziati dopo la riforma alla...
NOVITÀ DA ACQUALAB
DIR. (UE) 2020/2184 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO: QUALITÀ DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO (RIFUSIONE)
È stata pubblicata nei giorni scorsi sulla GUUE la Direttiva (UE) 2020/2184 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2020, concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano (rifusione).
ISPRA PUBBLICA IL RAPPORTO NAZIONALE PESTICIDI NELLE ACQUE
Pubblicato nei giorni scorsi il rapporto nazionale pesticidi nelle acque a cura di ISPRA. Sono state cercate complessivamente 426 sostanze e ne sono state trovate 299. Gli insetticidi sono la classe di sostanze più rinvenute, a differenza del passato, quando erano gli erbicidi. Il Rapporto è il risultato di un complesso lavoro che vede la collaborazione di tutte le componenti del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, predisposto dall’ISPRA sulla base delle informazioni trasmesse da Regioni e Province autonome, che attraverso le Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell’ambiente effettuano le indagini sul territorio e le analisi di laboratorio.
LE ACQUE SOTTERRANEE IN VENETO
Il rapporto, presentato nei giorni scorsi, illustra i risultati del monitoraggio regionale delle acque sotterranee del Veneto svolto nel 2019 riprendendo la struttura dei precedenti. Nel 2019 il monitoraggio quantitativo ha interessato 213 punti, quello qualitativo 289, il 67% dei quali non presentano alcun superamento degli standard numerici individuati dal DLgs 152/2006 smi e sono stati classificati con qualità buona, il restante 33% mostra almeno una non conformità e sono stati classificati con qualità scadente.
MASTER IN MANAGEMENT DEL SERVIZIO IDRICO E DEL SERVIZIO RIFIUTI – A CUORA DI LUMSA MASTER SCHOOL
L’obiettivo del corso è preparare esperti nel settore idrico e rifiuti (gestori del servizio, esperti della regolazione e delle tariffe, etc.) in grado di inserirsi nel vasto mondo delle imprese industriali e di servizio che operano nel settore dell’idrico in Italia. Il Corso rappresenta una opportunità di aggiornamento professionale per coloro che siano già attivi nel settore idrico, alla luce delle recenti normative e disposizioni regolatorie.
NOVITÀ DA ENERGIALAB
BIOCARBURANTI, PUBBLICATO IL DECRETO MINISTERIALE 30 DICEMBRE 202
Il GSE con una nota informa che informa che il Ministro dello Sviluppo Economico ha emanato il D.M. 30 dicembre 2020 che modifica il D.M. 10 Ottobre 2014. Nello specifico sono state aggiornate le condizioni, i criteri e le modalità di attuazione dell’obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli avanzati, emanato ai sensi del Decreto Legge 24 giugno 2014.
DATICOPERNICUS: IL 2020 COME IL 2016, RECORD DI CALDO
Il Copernicus Climate Change Service (C3S) ha annunciato che in base ai dati su scala globale il 2020 è stato come il 2016 uno degli anni più caldi rilevati, il sesto di una serie di anni eccezionalmente caldi a partire dal 2015, e il 2011-2020 il decennio più caldo registrato. In Europa l'anno più caldo mai registrato, 0,4 °C più del 2019, che in precedenza era a sua volta l'anno più caldo. Insieme al Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS), C3S riferisce anche che le concentrazioni di CO2 nell'atmosfera hanno continuato ad aumentare a un ritmo di circa 2,3 ppm / anno nel 2020 raggiungendo un massimo di 413 ppm durante maggio 2020.
CAMBIAMENTI CLIMATICI, GLI SCENARI PER L’ITALIA DEL   CENTRO EURO-MEDITERRANEO SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI
La Fondazione CMCC pubblica gli scenari climatici per l’Italia, un lavoro in divenire, frutto di una ricerca continua che lavora per migliorare la definizione e il dettaglio dei dati da rendere disponibili. Una fotografia del clima atteso per l’Italia nei prossimi decenni che viene presentata attraverso una serie di mappe messe a disposizione sul sito della Fondazione CMCC – Centro Euro-mediterraneo sui Cambiamenti Climatici e che ritraggono il clima atteso fino alla fine del secolo. Molto dipenderà dalle scelte che si faranno in termini di percorsi di riduzione delle emissioni di gas climalteranti, molto dipenderà da quanto la comunità internazionale saprà decidere al fine di contenere l’innalzamento della temperatura media del pianeta e le conseguenze che questo innalzamento comporta su diverse scale geografiche.
NOVITÀ DA BONIFICHELAB
IL MINISTRO COSTA «FIRMATO IL DECRETO CHE ASSEGNA 105 MILIONI DI EURO ALLA BONIFICA DEI SITI ORFANI»
Con un comunicato stampa il Ministero dell'Ambiente avvisa che lo scorso primo gennaio è stato firmato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, il decreto che destina 105 milioni di euro alla bonifica dei siti orfani. Si tratta di tutte quelle aree dove il responsabile dell’inquinamento non è individuabile o non provvede agli adempimenti per la bonifica. (video e comunicato stampa)
DEPOSITO NAZIONALE, LA SO.G.I.N. PUBBLICA LA CARTA NAZIONALE DELLE AREE POTENZIALMENTE IDONEE (CNAPI) E IL PROGETTO PRELIMINARE
La Sogin, con il nulla osta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha pubblicato Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI), il progetto preliminare e tutti i documenti correlati alla realizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico, che permetterà di sistemare in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività. La pubblicazione della Cnapi, con l’elenco dei 67 luoghi potenzialmente idonei di fatto dà l’avvio alla fase di consultazione dei documenti per la durata di due mesi, all’esito della quale si terrà, nell’arco dei 4 mesi successivi, il seminario nazionale. Sarà questo l’avvio del dibattito pubblico vero e proprio che vedrà la partecipazione di enti locali, associazioni di categoria, sindacati, università ed enti di ricerca, durante il quale saranno approfonditi tutti gli aspetti, inclusi i possibili benefici economici e di sviluppo territoriale connessi alla realizzazione delle opere.
MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI PER L’AMBIENTE, LA SALUTE E LA SICUREZZA – HSEQ (MASTER RISK-HSEQ) – A CURA DI TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA
Sono aperte le iscrizioni alla nuova edizione del Master Universitario di II Livello  Valutazione e Gestione dei Rischi per l’Ambiente, la Salute e la Sicurezza - HSEQ Il Master si pone come obiettivo di formare una figura trasversale in grado di valutare i rischi per l’ambiente, la salute e la sicurezza potenzialmente indotti da opere e infrastrutture, che potrà operare nell’ambito delle tematiche tipiche delle strutture HSEQ (Health, Safety, Environment, Quality) di aziende e società di consulenza ambientale e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.
NOVITÀ DA MOBILITÀLAB
2021: L’ANNO EUROPEO DELLE FERROVIE
Il 15 dicembre 2020 il Parlamento europeo ha approvato la proposta della Commissione europea di designare il 2021 come l’Anno europeo delle ferrovie. Tuttavia le ferrovie sono responsabili solo dello 0,4% delle emissioni di CO2 nell’Unione europea. Le reti ferroviarie sono in larga parte elettrificate, ed è l’unico mezzo di trasporto che ha ridotto in maniera considerevole le proprie emissioni rispetto ai livelli del 1990. Le ferrovie possono anche ricoprire un ruolo significativo nel turismo sostenibile.
MOBILITY MANAGEMENT, DAL MINISTERO DELL’AMBIENTE UN PROGRAMMA DETTAGLIATO PER IL 2021
Il Ministero dell’Ambiente ha predisposto un documento contenente attività e iniziative che saranno avviate nel corso del 2021, con l’obiettivo di redigere un preciso Piano di Spostamenti Casa-Lavoro. Un programma che chiama in causa l’amministrazione in tutte le sue articolazioni, sollecita la partecipazione e il protagonismo dei lavoratori e prevede alcuni passaggi intermedi e piccoli traguardi a portata di mano, almeno nel settore della mobilità dolce. Le prospettive del lavoro agile, anche alla luce del Pola (Piano Organizzativo del Lavoro Agile) di prossima formazione, rappresenteranno la cornice di riferimento. Il Programma individua un percorso di lavoro che farà i conti con l’evolversi della pandemia, con l’obiettivo ultimo di favorire per tutti e per quanto possibile modalità di trasporto casa-lavoro più sostenibili come parte del processo di miglioramento del benessere aziendale”.
RASSEGNA STAMPA
LE PROCEDURE DI INFRAZIONE EUROPEA A CARICO DELL’ITALIA IN MATERIA DI RIFIUTI
Un articolo pubblicato nel sito web di snpambiente fa il punto sulle procedure di infrazione comunitaria a carico del nostro paese ed in particolare su quelle dei rifiuti.
AGGIORNAMENTO DEI RAPPORTI SULLO STATO DELL’AMBIENTE DEL VENETO, EMILIA-ROMAGNA, VALLE D’AOSTA E DELLA PROVINCIA AUTONOMA DEL TRENTINO
Sono disponibili online i nuovi rapporti sullo stato dell'ambiente delle regioni Veneto, Emilia-Romagna, Valle d'Aosta  e della provincia autonoma del Trentino
L’INQUINAMENTO ATMOSFERICO DANNEGGIA GRAVEMENTE LA SALUTE DEI BAMBINI
Secondo lo studio State of Global Air 2020, nel 2019 l’inquinamento atmosferico nel suo complesso ha provocato 6,7 milioni di decessi per ictus, infarto, diabete, cancro ai polmoni, malattie polmonari croniche e malattie neonatali. Tra questi decessi, quasi mezzo milione sono stati bambini, morti nel loro primo mese di vita, nella maggior parte dei casi per complicazioni dovute al basso peso alla nascita e al parto prematuro, fattori collegati all’esposizione all’inquinamento atmosferico outdoor e indoor durante la gravidanza. Questi decessi si sono verificati soprattutto in India e nell’Africa sub-sahariana; più di 116.000 bambini indiani sono infatti morti a causa dell’inquinamento atmosferico nel primo mese di vita e 236.000 nell’Africa sub-sahariana
AGENDA
TERRE E ROCCE DA SCAVO - CORSO A DISTANZA - A CURA DI TUTTOAMBIENTE
26/02/2021
5° GIORNATA DI STUDIO “RIFIUTI E LIFE CYCLE THINKING
09/03/2021
ACCADUEO 2021 - BOLOGNA
dal 23/06/2021 al 25/06/2021
RECOVERY & FINAL SINKS FOR AN EFFECTIVE WASTE MANAGEMENT
dal 07/07/2021 al 09/06/2021
ECOMONDO
dal 26/10/2021 al 29/10/2021
Nota: Ai sensi del Regolamento Ue 2016/679 (GDPR) e del d.lgs. n. 196/2003 (Codice Privacy), la informiamo che è sua facoltà esercitare i diritti di cui all'art. 7 del suddetto Decreto. Per cancellarsi dalla mailing-list cliccare qui