Nuovo database per monitorare l’uso nazionale di energia e le emissioni di CO2

Il nuovo  World Input-Output Database (WIOD) on-line environmental lanciato dal Joint research centre (Jrc) della Commissione europea punta a far conoscere quanta energia hanno consumato e quanti gas serra hanno emesso le industrie e le abitazioni di oltre 40 Paesi nel periodo 2000-2016.

Il database differisce dalle tradizionali statistiche sull’energia e sulle emissioni, in quanto assegna il consumo di energia e le emissioni in base al Paese di residenza dell’utente/emettitore e non al paese in cui si produce il combustibile.

Ad esempio, il consumo di energia e le emissioni generate dai tedeschi che alimentano le loro auto in Lussemburgo e si spostano lì sono tradizionalmente assegnati al Lussemburgo; e l’uso di energia e le emissioni delle navi danesi che spostano merci dalla Finlandia alla Svezia sono assegnati alla Finlandia o alla Svezia. In questo database, tali usi sono assegnati rispettivamente a Germania e Danimarca. In questo modo, questo database integra le tradizionali statistiche sull’energia, i saldi e gli indicatori derivati, come quelli utilizzati per i rapporti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCC) o il database delle emissioni per la ricerca atmosferica globale (EDGAR).

Tra le principali novità del database anche  la sua completezza in termini di tempo (2000-2016) e copertura geografica (oltre 40 paesi) e il principio di residenza su cui sono riportati gli usi energetici.

Il database comprende i 28 paesi dell’UE e le 15 altre principali economie del mondo, tra cui Stati Uniti, Giappone, Cina, Brasile, India e un resto del mondo, il nuovo database del CCR ci fornisce le tendenze recenti fino al 2016 nell’uso mondiale dell’energia di i loro residenti.

Il nuovo database dei conti ambientali (WIOD) del JRC World Input-Output Database (versione 2019) è completo e coerente con il database dei conti economici WIOD

Le basi di dati UNFCC e EDGAR costituiscono la principale fonte di dati di riferimento per le politiche dell’UE in materia di clima ed energia e servono ai paesi per riferire sui loro obiettivi in ​​materia di energia ed emissioni.

Il database è destinato principalmente a responsabili politici e ricercatori, il database copre il consumo globale di energia, l’efficienza, le divisioni e le tendenze energetiche, nonché le emissioni di CO2 generate nell’UE e nel mondo, con una differenziazione tra industrie e famiglie.

Offre inoltre un facile accesso a una vasta gamma di dati per giornalisti e chiunque sia interessato alle impronte ambientali a livello mondiale dei paesi.

E’ disponibile online anche un rapporto tecnico  che descrive la metodologia utilizzata accompagna il database.

Il rapporto è disponibile qui

Fonte: European Commission’s – EU Science Hub

Potrebbero interessarti anche...