Reti fantasma, ministro Costa “Recuperate in un anno sei tonnellate”

Reti fantasma, ministro Costa “Recuperate in un anno sei tonnellate”

Il ministero dell’ambiente comunica che nell’ambito dell’operazione ‘Reti fantasma’, che rientra nel progetto “PlasticFreeGC” per il contrasto alla dispersione delle microplastiche in mare, avviato a luglio 2019 sono state rimosse sei  tonnellate di reti abbandonate dai fondali marini e avviate al corretto iter per la distruzione. Un’operazione che ha visto l’impiego della componente subacquea della Guardia Costiera dislocata sul territorio nazionale, mirata al recupero delle reti da pesca abbandonate nei fondali marini della nostra Penisola.

Documento di indirizzo per la valutazione del rischio amianto nel SNPA

Documento di indirizzo per la valutazione del rischio amianto nel SNPA

Pubblicato il “Documento di indirizzo per la valutazione del rischio amianto nel SNPA” una guida pratica, funzionale alla definizione di un approccio comune a tutte le Agenzie Ambientali per la valutazione e gestione del rischio amianto nei luoghi di lavoro, finalizzato alla tutela della sicurezza dei lavoratori e al controllo del corretto adempimento della normativa vigente in materia.

Torna RemTech, quest’anno come Digital edition

Torna RemTech, quest’anno come Digital edition

Torna RemTech expo la 14° edizione del salone si terrà dal 21 al 25 settembre interamente su piattaforma digitale. È stata messa a punto una piattaforma interamente digitale, con la quale imprese, professionisti, ricercatori, rappresentanti delle istituzioni e della politica, si potranno incontrare, scambiare informazioni, dibattere, condividere esperienze, non solo nei cinque giorni dedicati, ma con contenuti che resteranno fruibili per i mesi a seguire.

Collana “I Quaderni delle Emergenze Ambientali in Mare”

Collana “I Quaderni delle Emergenze Ambientali in Mare”

ISPRA nell’ambito della Collana “I Quaderni delle Emergenze Ambientali in Mare” pubblica le nuove linee guida, ”La valutazione della contaminazione del litorale a seguito di oil spill”, pratica nota agli anglofoni con l’acronimo SCAT, Shoreline Clean-up Assessment Technique e l’appendice “Kit per il prelievo e le analisi sul campo di prodotti petroliferi sversati in ambiente marino-costiero”.

Progetto Life del mese di settembre, LessWatt: lo strumento innovativo per per valutare e minimizzare i contributi diretti e indiretti della carbon footprint prodotta dalle vasche di ossidazione degli impianti di depurazione

Progetto Life del mese di settembre, LessWatt: lo strumento innovativo per per valutare e minimizzare i contributi diretti e indiretti della carbon footprint prodotta dalle vasche di ossidazione degli impianti di depurazione

il progetto LIFE LESSWATT – coordinato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Firenze – mira a migliorare i consumi energetici degli impianti di depurazione delle acque reflue industriali e, conseguentemente, a ridurre le loro emissioni dirette e indirette di gas a effetto serra, attraverso lo sviluppo di uno strumento innovativo composto da: un dispositivo automatico, wireless e in grado di muoversi autonomamente (Lessdrone) per il monitoraggio, in condizioni operative, dell’efficienza di trasferimento dell’ossigeno del sistema di aerazione di un impianto di depurazione e delle emissioni di gas serra dalle sue vasche di ossidazione a fanghi attivi; un protocollo che utilizza le complesse informazioni di processo raccolte dal Lessdrone per tradurle in azioni da mettere in atto per garantire la minimizzazione della carbon footprint degli impianti di depurazione e del loro consumo energetico.