Raee, in Europa cresce la raccolta ma anche la produzione. L’ultimo rapporto Erp

ERP (European Recycling Platform)  in un comunicato stampa fa il punto sui risultati raggiunti e sulle aspettative legate al futuro in relazione alle ultime novità nel settore dell’economia circolare in Europa.

Dalla  Dalla sua fondazione nel 2002, ERP ha raggiunto un importante traguardo raccogliendo e trattando più di 3 milioni di tonnellate di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in tutta Europa, che equivale alla quantità di RAEE generate dall’intera Unione europea in un anno. La quantità di RAEE continua ad aumentare, in Europa e nel mondo. Secondo l’ultimo report del Global E-Waste Monitor, nel 2021 la produzione globale toccherà i 52 milioni di tonnellate. Le sostanze pericolose che filtrano  dalle discariche e contaminano il suolo e la falda acquifera hanno un impatto enorme sull’ambiente e sulla salute e la perdita di risorse preziose danneggia l’economia. Per ridurre il danno ambientale dei rifiuti elettronici e per non sprecare risorse, è fondamentale la transizione da un’economia lineare a un’economia circolare

ERP in particolare ERP accoglie di buon grado la recente intesa tra il Consiglio dell’Unione europea, il Parlamento europeo e la Commissione europea come risultato di negoziazioni trilaterali che riguardano i rifiuti degli imballaggi e la strategia sulla plastica, pubblicata dalla Commissione europea il 16 gennaio 2018. Sono entrambi passi importanti volti a rafforzare l’economia circolare in Europa e ad aumentare ulteriormente la raccolta e il riciclo di grandi flussi di rifiuti come quelli di RAEE, imballaggi e pile ed accumulatori.

Secondo ERP l’introduzione della responsabilità estesa del produttore per i venditori a distanza, che commerciano da uno Stato membro all’altro, è una misura importante per scoraggiare comportamenti opportunistici e creare condizioni eque tra produttori. Tuttavia, ERP desidera sottolineare che la recente intesa manca di una chiara definizione delle responsabilità organizzative dei produttori.

Fonte: ERP

Il rapporto è disponibile al seguente link

Potrebbero interessarti anche...