Regolamentare la micromobilità: proposte dell’Osservatorio nazionale sharing mobility

Ne mondo della sharing mobility, accanto ad auto, moto, bici, ci sono anche soluzioni di micromobilità, come il monopattino elettrico,  tuttavia in Italia l’uso di questo mezzo non è espressamente previsto dal Codice della Strada. Questa indeterminazione crea un’alea d’incertezza tra i cittadini, le istituzioni e tra le aziende del settore che, di fatto, ne impedisce l’utilizzo.

Per permettere che, anche in Italia, sia possibile offrire servizi di mobilità condivisa basati sull’utilizzo del monopattino elettrico, l’Osservatorio Nazionale della sharing mobility ha costituito un gruppo di lavoro per la redazione di un Position Paper in cui sono presenti proposte normative sul tema.

Nella stesura del Position Paper, gli strumenti legislativi cui si fa riferimento sono la sperimentazione della circolazione su strada di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (articolo 1, comma 102 Legge di Bilancio 2019) e le modifiche al Codice della Strada. Nel documento sono riportate anche alcune indicazioni base per l’istituzione di servizi condivisi di monopattino elettrico in ambito urbano e una sintesi delle principali informazioni relative alla regolamentazione di questo tipo di veicolo in paesi confrontabili con l’Italia.

Il documento è disponibile qui.

Fonte: Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

Potrebbero interessarti anche...