Sfalci e potature, Velo: “da ministero ok a utilizzo residui verde urbano per produrre energia”

Il Ministero dell’Ambiente ha dato il via libera all’utilizzo dei materiali derivanti dalla manutenzione del verde urbano per produrre energia rinnovabile, classificando i residui al di fuori della normativa in materia di rifiuti, qualora rientrino nell’ambito dei criteri stabiliti per i sottoprodotti. Il via libera è stato dato attraverso una nota di chiarimento indirizzata alla Federazione Italiana Produttori di energia da Fonti Rinnovabili (FIPER) . Nel testo di legge che il codice ambiente esclude espressamente dal campo di applicazione della normativa in materia di rifiuti, tra i diversi materiali indicati, gli sfalci e i residui di potatura prodotti nell’ambito di un’attività agricola, quando impiegati in agricoltura o per la produzione di energia, a condizione che l’impiego non determini rischi o danni per l’ambiente e per la salute. Con la nota si chiarisce che al fine di escludere dal campo di applicazione della normativa in materia di rifiuti uno dei materiali in oggetto di analisi, è sufficiente dimostrare che i residui provengano da un’attività agricola sono costituiti da sostanze naturali non pericolose e sono reimpiegati nel medesimo ciclo produttivo e o in un altro, agricolo o energetico, assicurando il rispetto delle norme di settore”.

Potrebbero interessarti anche...