Trasporti marittimi dell’UE: la prima relazione sull’impatto ambientale riconosce i buoni progressi verso la sostenibilità e conferma che sono necessari maggiori sforzi per prepararsi all’aumento della domanda

Il rapporto ambientale europeo sui trasporti marittimi a cura dell’Agenzia europea dell’ambiente e dall’Agenzia europea per la sicurezza marittima, fornisce il primo controllo completo dello stato di salute del settore. La relazione mostra che le navi producono il 13,5 % di tutte le emissioni di gas a effetto serra prodotte dai trasporti nell’UE, dietro le emissioni del trasporto su strada (71 %) e dell’aviazione (14,4 %). Anidride solforosa (SO2) le emissioni delle navi che fanno scalo nei porti europei sono ammontate a circa 1,63 milioni di tonnellate nel 2019, una cifra che dovrebbe diminuire ulteriormente nei prossimi decenni a causa di norme e misure ambientali più rigorose.
Si stima che il trasporto marittimo abbia contribuito al fatto che i livelli di rumore sottomarino nelle acque dell’UE sono più che raddoppiati tra il 2014 e il 2019 ed è responsabile della metà di tutte le specie non indigene introdotte nei mari europei dal 1949. Tuttavia, anche se il volume di petrolio trasportato via mare è in costante aumento, solo otto fuoriuscite accidentali di petroliere di medie e grandi dimensioni su un totale mondiale di 62 si sono verificate nelle acque dell’UE negli ultimi dieci anni.
La relazione congiunta valuta lo stato attuale delle soluzioni emergenti per la sostenibilitàdel trasporto marittimo, compresi i combustibili alternativi, le batterie e l’alimentazione elettrica a terra, e fornisce un quadro completo della loro adozione nell’UE. Delinea inoltre le sfide future poste dai cambiamenti climatici per l’industria, compreso il potenziale impatto dell’innalzamento del livello del mare sui porti. La strategia europea per la mobilità sostenibile e intelligente specifica che tutti i modi di trasporto devono diventare più sostenibili, più intelligenti e più resilienti, compreso il trasporto marittimo. Sebbene il trasporto marittimo abbia migliorato la sua impronta ambientale negli ultimi anni, deve ancora affrontare grandi sfide quando si tratta di decarbonizzare e ridurre l’inquinamento. Sulla base di tutte le ultime evidenze, le politiche europee mirano ad aiutare il settore ad affrontare queste sfide, sfruttando al meglio soluzioni innovative e tecnologie digitali. In questo modo, il trasporto marittimo può continuare a crescere e a soddisfare le esigenze quotidiane dei nostri cittadini, in armonia con l’ambiente, mantenendo nel contempo la sua competitività e continuando a creare posti di lavoro di qualità.
La sostenibilità guidata dall’innovazione sarà un’opportunità per il trasporto marittimo di completare una trasformazione della stessa portata della sostituzione delle vele con il vapore. Questa nuova rivoluzione marittima dipenderà dalle navi sviluppate attraverso tecnologie avanzate e soluzioni digitali, ma anche da un processo a più livelli e pienamente inclusivo a livello nazionale, europeo e internazionale che comprenda gli aspetti di sicurezza, protezione e sociali, nonché quelli ambientali. Ma cruciale è anche il ruolo del trasporto marittimo come anello di una catena logistica transnazionale. Ciò significa che ogni parte di quella catena – dai porti al settore della costruzione navale, dagli spedizionieri ai settori finanziario privato e pubblico – deve essere inclusa nella nostra spinta verso la sostenibilità.


Impatti chiave sull’ambiente del trasporto marittimo

  • Emissioni di gas serra: in totale, le navi che fanno scalo nei porti dell’UE e dello Spazio economico europeo hanno generato circa 140 milioni di tonnellate di CO2 emissioni nel 2018 (circa il 18 % di tutto il CO2 emissioni generate dal trasporto marittimo in tutto il mondo quell’anno).
  • Inquinamento atmosferico: Nel 2019, l’anidride solforosa (SO2) le emissioni delle navi che fanno scalo nei porti europei ammontano a circa 1,63 milioni di tonnellate, pari a circa il 16 % dell’SO globale2 emissioni derivanti dal trasporto marittimo internazionale.
    Rumore subacqueo: Le navi creano rumore che può influenzare le specie marine in modi diversi. Si stima che tra il 2014 e il 2019 il totale dell’energia acustica irradiata sott’acqua accumulata sia più che raddoppiata nelle acque dell’UE. Le navi portacontainer, le navi passeggeri e le petroliere generano le più alte emissioni di energia acustica dall’uso dell’elica.
  • Specie non indigene: Nel complesso, dal 1949, il settore del trasporto marittimo ha rappresentato la maggior parte delle specie non indigene introdotte nei mari dell’UE, quasi il 50 % di tutte le specie, con il maggior numero trovato nel Mediterraneo. Un totale di 51 specie sono tutte classificate come ad alto impatto, il che significa che possono influenzare gli ecosistemi e le specie autoctone. La relazione rileva inoltre i limitati dati disponibili per valutare il pieno impatto sugli habitat e sulle specie.
  • Inquinamento da idrocarburi: su un totale di 18 grandi fuoriuscite accidentali di petrolio nel mondo dal 2010, solo tre erano localizzate nell’UE (17 %); un migliore monitoraggio, applicazione e sensibilizzazione sta contribuendo a ridurre gli eventi di inquinamento da idrocarburi, anche se la quantità di petrolio trasportato via mare è in costante crescita negli ultimi 30 anni.

Il trasporto marittimo dell’UE si trova di fronte a un decennio cruciale per la transizione verso un settore più sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale. La maggior parte delle navi che fanno scalo nell’UE ha ridotto la propria velocità fino al 20 % rispetto al 2008, riducendo così anche le emissioni. I combustibili e le fonti energetiche non tradizionali, come i biocarburanti, le batterie, l’idrogeno o l’ammoniaca, stanno emergendo come possibili alternative favorendo la diminuzione delle emissioni inquinandi del settore . L’alimentazione elettrica a terra (in cui le navi spengono i motori e si collegano a una fonte di energia a terra mentre sono ormeggiate in porto) può anche fornire una fonte pulita di energia nei porti marittimi e di navigazione interna.

Il rapporto è disponibile qui Trasporti marittimi dell’UE: la prima relazione sull’impatto ambientale riconosce i buoni progressi verso la sostenibilità e conferma che sono necessari maggiori sforzi per prepararsi all’aumento della domanda — Agenzia europea dell’ambiente (europa.eu)

Fonte: Agenzia Europea per l’Ambiente

Potrebbero interessarti anche...