Una migliore consapevolezza dello smaltimento della plastica biodegradabile e compostabile aiuterebbe ad affrontare il problema della plastica in Europa

Il Rapporto dell’AEA “Plastica biodegradabile e compostabile: sfide e opportunità” (Biodegradable and compostable plastics — challenges and opportunities) fornisce una panoramica delle materie plastiche che spesso sono etichettate in modo confuso come compostabili, biodegradabili, oxo-degradabili e / o a base biologica e del significato dei termini.

La maggior parte della plastica che usiamo oggi continua a essere prodotta da combustibili fossili in un processo che contribuisce ad aumentare le emissioni di gas serra dalla loro produzione, dal loro utilizzo fino al loro smaltimento. Anche i tassi di riciclaggio rimangono bassi e la plastica continua a rappresentare una minaccia per il nostro ambiente, attraverso i rifiuti, una gestione impropria dei rifiuti e l’usura dei prodotti che contribuiscono alla contaminazione da microplastiche nell’ambiente. Le materie plastiche, compresi i loro additivi chimici, possono rimanere in natura per molti anni e potenzialmente entrare nella catena alimentare. Sulla scia della crescente domanda da parte del pubblico, numerosi produttori hanno introdotto materie plastiche considerate a base biologica, compostabili o biodegradabili. Tuttavia, la quota di mercato per questi tipi di plastica è solo dell’1% circa.

Si suppone che le plastiche biodegradabili e compostabili riducano il problema dell’inquinamento posto dalla plastica ma devono essere smaltite correttamente, cosa importante ma ancora non compresa bene dai consumatori. Ad esempio, i materiali biodegradabili e compostabili possono essere scomposti da microrganismi in acqua, anidride carbonica, sali minerali e nuova biomassa entro un periodo di tempo definito. Tuttavia, molti consumatori potrebbero non sapere che le condizioni nelle compostiere domestiche e nell’ambiente aperto sono molto diverse rispetto agli impianti di compostaggio industriale. Ciò influisce sulla velocità e sull’entità del guasto. Se un oggetto in plastica biodegradabile o compostabile si biodegrada e la velocità con cui ciò accade, dipende fortemente dalle condizioni a cui è esposto durante lo smaltimento, secondo il briefing.

Questi tipi di plastica possono offrire notevoli vantaggi ambientali se sono sviluppati per situazioni e applicazioni specifiche e smaltiti correttamente. Tuttavia, tali plastiche sono lontane dal fornire una soluzione autonoma alle sfide che dobbiamo affrontare con la plastica. Il rappporto afferma che ulteriori miglioramenti nel loro utilizzo e smaltimento aiuterebbero a renderne l’uso più efficace poiché è probabile che il mercato di tali prodotti crescerà negli anni a venire. Inoltre, in un’economia circolare, verso la quale l’Unione europea sta lavorando attraverso il Green Deal europeo, tutte le materie plastiche dovrebbero essere riciclate in nuove plastiche come primo passo.

Il rapporto in lingua inglese è disponibile qui

Fonte: Agenzia Europea Per l’Ambiente

Potrebbero interessarti anche...