DissensoCognitivo

Labelab2013Il lungo formato orizzontale svela una panoramica su un territorio piatto e desolato in un’era lontana. Appena sopra la superficie si librano forme sconosciute e incomprensibili che alludono a metamorfosi, evoluzioni e adattamenti in un mondo nel quale l’umanità è scomparsa e solo le conseguenze dei suoi errori, inquinamento, sfruttamento ed estinzione, gli sopravvivono. Nella parte sinistra dell’opera, un vortice di creature rompe l’immobilità proponendo un fremito di vita in questo futuro spento che stiamo lentamente e inesorabilmente costruendo.