Federambiente (igiene ambientale) e FederUtility (energia, gas e acqua) a dicembre 2014 si sono fuse per creare Utilitalia che rappresenterà l’insieme delle imprese di servizi pubblici locali a valenza industriale. La nuova associazione conterà 577 imprese con 90.000 addetti complessivi e un valore della produzione pari a 40 miliardi di euro. L’unione tra queste federazioni, secondo le dichiarazioni di Giovanni Valotti (attuale presidente di Federutility e futuro presidente della nuova associazione), risponde ad un disegno molto ambizioso: rafforzare il ruolo delle imprese di servizi pubblici al servizio dei cittadini, dello sviluppo dell’economia e della tutela dell’ambiente e del territorio.