“L’acqua. La frontiera della gestione di un bene comune. La risorsa acqua: usi plurimi e gestione idro-potabile” – incontro online lunedì 22 ore 15-17

“L’acqua. La frontiera della gestione di un bene comune. La risorsa acqua: usi plurimi e gestione idro-potabile”

L’incontro si terrà online lunedì 22 marzo dalle ore 15 alle ore 17

intervengono:

  • Giuseppe Bortone
    – Direttore generale ARPAE – Emilia-Romagna
  • Tonino Bernabè
    – Presidente Romagna Acque Società delle Fonti

Incontro in ricordo di Andrea Gambi
– ex Direttore Generale di Romagna Acque
deceduto per COVID nella primavera 2020.

==> CICLO DI INCONTRI VALIDO COME CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI.

Per i docenti che non sono riusciti a registarsi sulla piattaforma S.O.F.I.A. la registrazione potrà essere effettuata inviando una mail a : vcomandini@liceofulcieri.it

I DOCENTI CHE SI REGISTRERANNO RICEVERANNO UNA EMAIL CON IL LINK PER POTERSI CONNETTERE ATTRAVERSO PIATTAFORMA ZOOM.

Gli incontri, ognuno della durata massima di 2 ore, sono rivolti in primo luogo agli insegnanti delle scuole secondarie superiori e saranno accessibili anche per gli studenti e per tutti i cittadini. Ogni incontro sarà video-registrato e i materiali utilizzati dai relatori saranno resi disponibili per poter essere riutilizzati.

CHIUNQUE lo desideri potrà seguire gli incontri in diretta streaming sul canale Youtube o dalla pagina facebook della Associazione Nuova Civiltà delle Macchine.
Sarà possibile porre domande ai relatori via chat.

Per scaricare la locandina ====> cliccare qui

Per informazioni: info@nuovaciviltadellemacchine.it
oppure telefonare al: 3356372677

L’acqua. Le frontiere della gestione di un bene comune.Nota introduttivaI recenti studi sui cambiamenti climatici hanno alzato la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali e climatiche e nell’ambito della riflessione assume una particolare criticità il tema della risorsa acqua. I cambiamenti climatici minacciano infatti di modificare significativamente il sistema idrologico nazionale e locale. Le previste carenze idriche e i più frequenti fenomeni estremi, associati ad una maggiore richiesta di acqua (per l’irrigazione agricola, per il settore residenziale anche associato al turismo e per il comparto industriale) avranno con tutta probabilità gravi ricadute negative su servizi ecosistemici come l’acqua potabile.In un contesto di cambiamento climatico e forti pressioni sulle risorse naturali per fare fronte alle crescenti esigenze mondiali, la gestione dell’acqua rappresenta un ambito strategico per garantire sostenibilità e competitività. In tal senso, un ruolo sempre maggiore è svolto dalla ricerca e dall’innovazione.Quando parliamo di adattamento ai cambiamenti climatici, fondamentalmente ci chiediamo come anticipare gli effetti negativi individuando azioni appropriate per prevenire o minimizzare i danni che possono causare, in linea con quanto previsto dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, un programma d’azione che identifica 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile. Tra questi obiettivi, in particolare al punto n. 7 dell’Agenda ONU, il ruolo della gestione dell’acqua risulta un aspetto essenziale al fine di garantire a tutti il suo utilizzo. Il nostro pianeta possiede infatti sufficiente acqua potabile per raggiungere questo obiettivo, ma a causa di infrastrutture scadenti o cattiva gestione economica, ogni anno milioni di persone, di cui la gran parte bambini, muoiono per malattie dovute ad approvvigionamento d’acqua, servizi sanitari e livelli d’igiene inadeguati. Dalle varie possibili comparazioni, si può affermare che il territorio romagnolo ha certamente gestito la risorsa idrica in maniera efficiente ed è oggi in grado di garantire un approvvigionamento idrico sostenibile e di qualità, ma nello scenario dei cambiamenti climatici è fondamentale sviluppare delle strategie che possano permettere di mantenere elevato lo standard raggiunto.Quando si parla di gestione dell’acqua è importante tenere in considerazione che la quota di acqua potabile connessa agli usi civili rappresenta circa il 10% del consumo totale di acqua a livello mondo, mentre spesso non c’è adeguata consapevolezza del fatto che gli usi agricoli assorbono la quota più rilevante di questa risorsa (circa il 70% a livello mondo e circa il 60% in Emilia Romagna). Altro aspetto rilevante è rappresentato anche dall’utilizzo dell’acqua per la produzione di energia rinnovabile. Obiettivo dell’iniziativa è quello di dare conto del come migliorare l’uso di questa preziosa risorsa in tutti i vari ambiti d’uso (casa, agricoltura e industria) e mettere in luce l’importanza dei piani e delle azioni di adattamento ai cambiamenti climatici relativamente alla risorsa acqua attraverso la presentazione degli interventi realizzati e delle strategie future che sono pianificate a livello locale.      in collaborazione con: 
     









                             
  
con il sostegno di Romagna Acque Società delle Fonti


 


  
 Per accedere a documenti e video-registrazioni degli eventi effettuati, VISITATE IL SITO WWW.NUOVACIVILTADELLEMACCHINE.IT. 

Potrebbero interessarti anche...