TAR SULLA MOROSITA’: “SVIAMENTO DI POTERE” L’ORDINANZA DEL SINDACO CHE IMPONE IL RIALLACCIO

Il Tar del Lazio (sezione distaccata di Latina) ha stabilito che un sindaco non può ordinare a un gestore di servizi idrici di riallacciare la fornitura d’acqua se il cliente si è rivelato moroso. Anche se ad ordinarlo è un sindaco. La sentenza è stata emessa in seguito ai ricorsi di Acea Ato 5 che chiedeva l’annullamento di alcune ordinanze emesse dai sindaci dei Comuni di Torrice, Alatri e Cassino. I sindaci avevano ingiunto alla società di ripristinare l’erogazione dell’acqua a utenti che, nonostante solleciti e preavvisi, avevano mantenuto una situazione di grave morosita. Il giudice amministrativo ha annullato queste ordinanze sindacali.

Ordinanza del Sindaco di Cassino  

Ordinanza del Sindaco di Torrice

Ordinanza del Sindaco di Alatri

Potrebbero interessarti anche...