Inquinamento dell’aria, nelle scuole italiane al via nuovo progetto Snpa di citizen science

Ha preso il via lo scorso 20 novembre in 82 scuole di 32 comuni italiani l’iniziativa di citizen science ed educazione ambientale di Snnpa. Un progetto nato per sensibilizzare e formare i giovani sulle problematiche dell’inquinamento atmosferico e della qualità dell’aria. Saranno gli stessi alunni, supportati  dai tecnici esperti nel monitoraggio dell’aria, a misurare uno dei principali inquinanti delle aree urbane, il biossido di azoto (NO2).

A portare in Italia il progetto europeo CleanAir@School è il Sistema nazionale di protezione dell’ambiente (Snpa). Con il coordinamento nazionale di Ispra, saranno 15 agenzie Arpa/Appa a coinvolgere scuole, studenti e famiglie nelle attività di monitoraggio dell’aria. Che non saranno quelle ufficiali, fatte con procedure e criteri ben più complessi, comunque si avvicineranno all’originale: come spiegato da Barbara Dadati della società Aquaria e da Oriana Motta dell’Università di Salerno verrà usato lo strumento del campionatore passivo, che aiuterà i giovani a capire il procedimento scientifico con cui si misurano gli inquinanti dell’aria in Italia.

CleanAir@School è nato da un’iniziativa promossa nel 2018 dall’Agenzia europea per l’ambiente e oggi coinvolge 10 paesi della rete delle agenzie ambientali europee (Epa Network). In Italia l’iniziativa è patrocinata dal ministero dell’Ambiente ed organizzata in collaborazione con l’Anci, con cui Ispra ha recentemente attivato un protocollo d’Intesa sull’ambiente urbano. Il progetto ha anche i pregio di portare nelle scuole azioni concrete di educazione ambientale sul tema  dell’inquinamento dellaria e sulla scia dell’esperienza positiva veneta sulla raccolta differenziata, che ha prodotto risultati notevoli anche grazie al contributo dei giovani, con una sorta di effetto “spugna” nel riportare in famiglia e con gli amici la necessità di seguire buone pratiche.  Buoni comportamenti che non sono sufficienti da soli, ma che si devono accompagnare ad azioni mirate, a questo proposito, ad esempio, Arpa Liguria sta collaborando ad un progetto di infrastrutture verdi con la piantumazione di alberi ad alto fusto e con una tipologia di foglie che permette di catturare il PM10 ed evitare che vada nelle case.

L’inquinamento atmosferico, tema principale di CleanAir@School, è uno degli aspetti che preoccupa maggiormente i cittadini europei e ha determinato, nel tempo, un crescente senso di sfiducia verso le istituzioni deputate a tutelarlo. Obiettivo dell’iniziativa è anche quello di attivare un confronto diretto tra cittadini e istituzioni, favorendo la conoscenza reciproca.

 Comunicato stampa rete snpambiente qui

Fonte: rete snpambiente

Potrebbero interessarti anche...